“Tumore alle ovaie” in forma irreversibile e il colpo al cuore fatale. Dopo la sua scomparsa, emergono dettagli sulla vita dell’attore che spiegano molte cose di quella carriera bruscamente frenata

 

La notizia della sua scomparsa è stato come un fulmine a ciel sereno, Gene Wilder a 83 anni lascia una vita costellata di gioie ma anche di immensi dolori. Sono state tante le vite private che ha vissuto l’attore, sposandosi per ben quattro volte. Dal 1960 al 1965 con Mary Mercier, dal 1967 al 1974 con Mary Joan Schutz. Dopo il secondo divorzio incontrò l’attrice e collega Gilda Radner che sposò, ma purtroppo nel 1989 morì in seguito a un cancro alle ovaie.

Coppia molto forte sia nella vita e anche sul set, visto che erano colleghi e recitarono spesso insieme.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

 

Gene Wilder conobbe la Radner al Saturday Night Live e da quel momento divennero inseparabili. Una coppia forte anche al cinema basti pensare ai successi cinematografici “La signora in rosso” e la “Luna di miele stregata”, con tanto di canzone scritta da Stevie Wonder per loro: “I Just Called To Say I Love You” fu scritta dal cantante per la colonna sonora de “La signora in rosso” e, leggenda narra, che fu proprio Wilder a chiuedere a Wonder un brano da dedicare alla Radner.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

Provarono anche ad avere figli senza riuscirci. Dopo una serie di controlli e di diagnosi sbagliate, fu nel 1986 che l’attrice scoprì di avere un tumore alle ovaie, una malattia combattuta e sconfitta apparentemente due anni più tardi. Ma nel 1989 si ripresentò in forma irreversibile: la sua morte arrivò il 20 maggio di quell’anno mentre Wilder era impegnato nelle riprese del film “Non guardarmi non ti sento”. È stato l’amore della vita di Gene Wilder e la sua fine prematura ne frenò bruscamente la carriera. Nel 1991 decise di risposarsi con Karen Boyer, sua moglie fino a oggi.

Lutto nel mondo del cinema, se ne è andato uno degli attori più grandi di sempre. Ci ha fatto emozionare e ci ha anche fatto tanto ridere. Un vero pezzo di storia…

Pubblicato il alle ore 09:57 Ultima modifica il alle ore 11:28