Sonny Chiba, morto

Cinema in lutto, l’attore stroncato dal Covid. Indimenticabile il suo personaggio

Cinema in lutto, l’attore è morto a 82 anni per complicazioni legate al Covid. A darne notizia l’agente Timothy Beal: “Era un grande amico e un cliente fantastico. Un uomo così umile, premuroso e amichevole. Mi mancherà”, ha detto Beal. 

Nato a Fukuoka, in Giappone, il 22 gennaio 1939, Shinichi “Sonny” Chiba inizia studiare arti marziali mentre frequenta la Nippon Sport Science University nel 1957. Studia con il maestro di karate Masutatsu Oyama e diventa cintura nera di primo grado nel 1965. In seguito interpreta Oyama in una trilogia di film, “Champion of Death”, “Karate Bearfighter” e “Karate for Life”. Nel 1984 riceve una cintura nera di quarto grado.

Oltre alle cinture nere in ninjutsu, shorinji kempo, judo, kendo e goju-ryu karate.
Come detto l’attore ha affinato la propria abilità nelle arti marziali diventando cintura nera anche di judo, kendo, ninjutsu, goju-ryu e shorinji kempo.


Indimenticabile la sua interpretazione nel primo capitolo di “Kill Bill” del regista Quentin Tarantino, dove interpretava il mitico maestro Hattori Hanzo, forgiatore delle spade più affilate e letali al mondo, da cui Uma Thurman, che veste i panni di Beatrix Kiddo, la sposa e Black Mamba, ottiene una spada forgiata da lui con la quale ucciderà O-Ren, la numero 1 della sua Death List Five.

Tarantino era un noto fan di Chiba, da lui definito “il più grande attore che abbia mai lavorato nei film di arti marziali”: nella sua sceneggiatura per True Romance, il personaggio di Christian Slater è un fan dell’attore giapponese. Sonny Chiba recitò in più di 125 film della Toei Company e ha vinto numerosi premi per le sue interpretazioni.

Pubblicato il alle ore 13:41 Ultima modifica il alle ore 13:41