Cinema italiano il lutto, l’attrice morta a 57 anni. Il dolore di Carlo Verdone

Il primo commento, dopo la notizia della scomparsa dell’attrice, è di Carlo Verdone che con lei aveva condiviso gli anni più belli. Provato, con le lacrime agli occhi, l’attore e regista è apparso sulla sua pagina Facebook e si è lasciato andare. “Mi sono un po’ stancato di fare necrologi, devo essere sincero. Oggi mentre giravo mi hanno avvertito purtroppo non c’eri più. E allora io ve lo volevo dire anche se qualcuno già lo saprà dai giornali”.


“Resterà per me una cara amica, un’attrice che mi ha esaltato una sequenza importante, una persona che resterà nell’immaginario collettivo per quella battuta: “Attenta fascio, che io a mi padre gli ho già sputato in faccia, attento”. Ti mando un bacio enorme. Enorme”. Aveva 57 anni, da tempo, a quanto si apprende, lottava contro la malattia. Un amore sbocciato presto quello per il cinema, complice il lavoro di papà Piero sceneggiatore di successo.

Nella sua carriera tanti film di successo

Fu proprio Carlo Verdone a lanciarla. Le offrì il ruolo di Fiorenza in ‘Un sacco bello’ dopo averla vista girare a casa del padre durante la stesura della prima sceneggiatura. Sempre con Verdone Verdone proseguì la sua carriera cinematografica, da Borotalco (1982) a Il bambino e il poliziotto (1989), prima di lavorare anche con Alberto Sordi ne Il marchese del Grillo (1981) e Io so che tu sai che io so (1982).



Isabella De Bernardi prese parte anche una delle prime serie italiane, I ragazzi della III C. Ruoli sempre nel segno della romanità, mai persa anche se viveva a Milano: erano lì le radici della sua solarità, sempre positiva, determinata e cinica il giusto, il disincanto e il sogno, trascinante e trascinata, due figli grandi e meravigliosi, un compagno che le è sempre stato accanto.


Isabella De Bernardi il cinema per trovare la sua strada nella passione per il disegno e la grafica. Era diventata art director e direttrice artistica presso l’agenzia Young&Rubicam. Isabella De Bernardi era nata a Roma il 12 luglio del 1963. La data dei funerali non è stata ancora fissata.

Pubblicato il alle ore 21:46 Ultima modifica il alle ore 21:55