A me gli occhi! Ecco come dire addio per sempre alle occhiaie (e avere uno sguardo davvero riposato)


Gli inglesi le chiamano ”dark circle”, cerchi neri. Sono le occhiaie, le terribili nemiche delle donne, e del make up. Una sorta di alone – che va dal viola al colore bruno – che dona un odioso sguardo da panda. Cancellarle è impossibile. Quello che si può fare, però, è combatterle e cercare di nasconderle al meglio. Ecco alcuni consigli:

(Continua a leggere dopo la foto)







 

1. Dieta. Chi ha le borse sotto gli occhi lo sa. Un eccessivo gonfiore crea un’ombra a mezzaluna che assomiglia in tutto e per tutto alle occhiaie. Per evitare il puffy effect il consiglio è di ridurre al minimo il consumo di alimenti molto salati e di alcolici che, ahinoi, causano gonfiore e ritenzione di liquidi.

2. Rimedi naturali. in erboristeria si trovano facilmente delle compresse omeopatiche per lo sguardo affaticato, ma si può utilizzare un buonissimo metodo fai da te come gli impacchi con le bustine di camomilla lasciate raffreddare nel congelatore oppure le classiche fettine di cetrioli. Anche un infuso di malva, rosmarino, rosa e lavanda sotto forma di cubetti di ghiaccio può risultare utilissimo!

3. Massaggio facciale. Quello per intenderci che utilizzano gli attori per aumentare l’elasticità del viso: il sorriso, a bocca chiusa prima e aperta poi è ad esempio un ottimo esercizio. Inizia dal collo, massaggiando la pelle dal basso verso l’alto, con movimenti circolari. Utilizza un dischetto di cotone, morbido, imbevuto di latte detergente. Soffermati sulle guance e gli zigomi disegnando sulla cute tanti cerchi in senso orario, che vadano dalle narici verso l’esterno. Quando sei all’altezza delle palpebre distendi la pelle segnando una linea retta dalle sopracciglia verso l’esterno e, parallelamente, con dolcezza, per tutta l’estensione delle palpebre. Ripeti questo movimento con le nocche, a pugni chiusi, seguono la linea degli zigomi fino alle tempie. Con otto dita sulla fronte e i pollici sotto al mento, massaggia il contorno occhi con movimenti che seguano le ossa di zigomi e arcate, verso l’esterno, dal basso verso l’alto e viceversa.

4. Make up. Resta ancora il migliore alleato per tutte le donne che si svegliano ogni tanto con le ombre sotto gli occhi e magari le aspetta una riunione importante: una crema specifica drenante, decongestionante e con un lieve effetto lifting è la soluzione ideale prima di passare al correttore. In profumeria trovate perfino alcuni prodotti che regolano la sintesi di melanina riducendone dunque gli accumuli e migliorando la microcircolazione sotto gli occhi, ed evitare così la formazione delle macchie scure. Per quelle blu è consigliato un correttore aranciato, per le occhiaie viola un correttore color pesca, per le rosse un correttore verde, infine per le occhiaie brune un correttore malva-lilla. La classica tonalità beige invece andrebbe riservata per le macchie e i punti neri, anche se funziona benissimo pure per le occhiaie. Ecco in pochi piccoli step come procedere con il make up: intanto si deve picchiettare il correttore con le mani o con un pennellino nella zona interessata avendo l’accortezza di trascinare l’effetto sfumato nelle zone limite tra l’occhiaia e la pelle normale. Una volta definita al meglio questa operazione si può passare alla stesura del fondotinta senza premere eccessivamente sulle zone già ‘toccate’ dal correttore. E infine compattare il tutto con un leggerissimo velo di cipria per far durare il make up più a lungo. Uno dei segreti da make up artist è quello di mescolare il correttore alla crema per il contorno occhi: non solo si ammorbidisce la texture, permettendo una maggiore aderenza alla pelle ma si crea la tonalità su misura.

5. Riposo. Quando puoi concediti una buona notte rilassante andando a letto presto oppure un sonnellino per una domenica tutta relax. Sonno e riposo sono un toccasana, sia per la pelle, sia per l’umore. Per favorire il drenaggio dei liquidi usa un cuscino abbastanza alto e non eccessivamente morbido: per ridurre l’accumulo di liquidi nelle palpebre tieni la testa leggermente più elevata.

6. Tè verde. Quando sei stanca, appoggia sulle palpebre 2 bustine di tè verde, bagnate e lasciate in freezer per trenta minuti circa: il tannino, che possiede proprietà anti-infiammatorie, insieme al freddo favorirà una leggera vasocostrizione insieme al piacevole effetto rinfrescante. L’alternativa? Tieni due cucchiaini in freezer da applicare su occhi, palpebre e zigomi: ti potranno servire nei momenti di emergenza.

7. Scrub. Prepara uno scrub fai da te capace di lavar via tutta la stanchezza in un attimo. Mescola sale, meglio fino in modo da non graffiare la pelle, qualche goccia di olio rilassante alla lavanda o al rosmarino, dalle proprietà rigeneranti. Il sale svolge un’azione illuminante, rivitalizzante e drenante.

8. Olio naturale. Quando ti strucchi, massaggia il contorno occhi con alcune gocce di olio naturale. L’olio essenziale di betulla, l’olio di borragine, limone e ribes nero sono preziosi per la salute degli occhi. Il consiglio? Prima del massaggio, lascia la pelle umida, l’assorbimento dell’olio sarà più facile e completo.

9. Non sfregarti gli occhi. Il motivo è presto detto. La frizione costante e poco delicata infatti, fa sì che la pigmentazione diventi più scura.

10. Congela un cucchiaio. È uno dei rimedi più vecchi del mondo, ma se è ancora in auge un motivo ci sarà. In breve: sciacquate due cucchiai e, senza asciugarli, metteteli una notte nel freezer. La mattina appoggiate la parte tonda (convessa) dei cucchiai sugli occhi e lasciateli lì per 5/10 minuti.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it