Bruciore vaginale, dolore quasi insopportabile e puntiforme, pulsante, con conseguenti perdite. Colpisce tantissime donne ed è un disturbo che (oltre a compromettere l’intimità) non va affatto sottovalutato. Ecco cosa devi sapere


 

 

Si chiama vulvodinia ed è una patologia tutta femminile, purtroppo, non abbastanza conosciuta, che però merita grande attenzione da parte di tutte. Infatti, colpisce un numero molto alto di donne, dalla pubertà alla menopausa, e può essere una condizione temporanea legata ad un’infiammazione passeggera, ma può essere anche una sindrome a lungo termine fino a poter diventare cronica. Per questo è bene conoscerla e saperla individuare quanto prima per poter limitare i sintomi e mantenere una buona qualità di vita. La vulvodinia colpisce prevalentemente le donne in età fertile e il sintomo più evidente è quello di un dolore localizzato a livello dei genitali esterni (vulva) che viene interpretato diversamente dalle donne: da una sorta di bruciore o fastidio fino ad arrivare ad un dolore quasi insopportabile e puntiforme, pulsante, con conseguenti possibili perdite. Presente spesso anche il prurito. Il dolore si prova sia a muscoli rilassati che, ancora di più, a vagina contratta o stimolata, può essere costante o intermittente e può durare mesi o addirittura per anni, e potrebbe anche sparire come è comparso. (Continua a leggere dopo la foto)







La parte interessata dal disturbo potrebbe apparire infiammata o gonfiao ma non è un sintomo sempre presente e evidente. Normalmente il medico fa prima una diagnosi per escludere altri tipi di infezioni come la candida o altri disturbi più gravi come il diabete, per poi approfondire l’eventualità di una vulvodinia. La vulvodinia può manifestarsi a seguito infiammazione provocata dall’uso di tamponi vaginali, una visita ginecologica o un rapporto che possono lesionare i nervi intorno alla vulva, sbalzi ormonali di varia origine e natura.

(Continua a leggere dopo le foto)








 

La sintomatologia della vulvodinia può compromettere i rapporti e la propria vita di coppia, nonché l’umore della donna e la sua autostima. Per cercare di attenuare i sintomi della vulvodinia potete fare dei bidet di acqua tiepida e bicarbonato, cercate di non indossare capi attillati e scegliete mutandine di cotone naturale e traspirante. Meglio evitare sport che sollecitino la parte, come il ciclismo e l’equitazione ed evitare di andare in moto. Da evitare anche i bagni caldi e prolungati. In ultimo, per facilitare i rapporti non dimenticate di utilizzare un lubrificante.Di solito il medico può prescrivere dei farmaci per alleviare il dolore o delle creme antistaminiche per il prurito o anestetiche, nei casi più gravi potreste fare, sempre sotto stretto controllo medico, delle iniezioni per bloccare la trasmissione del dolore dei nervi implicati oppure potrebbero indicarvi degli esercizi per rafforzare il pavimento pelvico. 

Ti potrebbe interessare anche: Perdite vaginali. In questo momento, le tue, sono trasparenti e molto appiccicose? Ecco cosa sta succedendo nel tuo corpo (faresti bene a non trascurare certe informazioni)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it