Glielo hai mai toccato? Si chiama Punto L ed è la parte del corpo del tuo lui che se la tocchi (o baci) come si deve, lo farà delirare di piacere. Chi lo ha provato lo giura: è un orgasmo travolgente. Non fare la ritrosa, è sublime


 

L’intesa sessuale ultimamente è un po’ scemata e una cosa che ti piacerebbe tanto è recuperare la passione di un tempo. Ma non sai come fare. Intanto, si può iniziare con avere informazioni fondamentali per sapere come farlo godere da morire, senza doversi trasformare nella tigre del materasso. Basta veramente poco. Anche l’uomo ha il suo punto G, che però viene chiamato punto L. Ed è quella zona del corpo che, se giustamente stimolata, lo manda in estasi. Il nome deriva dall’iniziale del cognome della dottoressa Elisabetta Leslie Leonelli che nel suo libro Coccole e Carezze ha rivelato l’esistenza di un punto di piacere nascosto nell’uomo. Il punto L si trova nella zona tra i testicoli e l’ano (Perineo). Si tratta di un’area che ha la stessa conformazione del pene e che potremmo definire la sua continuazione, il suo nido, la parte del pene attaccata al corpo. Se toccate questa zona mentre il pene è eretto vi renderete conto che si tratta proprio di una specie di continuazione del pene stesso, infatti non c’è un punto netto dove questo finisce. (Continua a leggere dopo la foto)



Il punto L può essere stimolato nel rapporto orale o attraverso massaggio. Un rapporto orale appena accennato, vale a dire limitata alla punta del glande, ma praticato con una aspirazione fatta con la bocca può sollecitare il punto L in quanto si agisce su di esso attraverso l’uretra. Per sperimentare l’efficacia della stimolazione del punto L è possibile ricorrere anche ad un massaggio delicato ma profondo che sia effettuato nella zona del perineo.

(Continua a leggere dopo le foto)



Gli esperti, e chi giura di averlo sperimentato, definiscono l’orgasmo da punto L travolgente: giunge in modo lento, graduale, senza scatti e senza resistenze, fluido, come se fosse un respiro. Le contrazioni di piacere sono più forti, ma meno acute, più tonde, più calde e più profonde. Ma quello che si può notare di più è il diffondersi nel tempo e nel corpo dell’orgasmo da punto L. Pare, infatti, che esso duri di più e si diffonda piacevolmente lungo tutto il corpo, cominciando ancor prima dell’eiaculazione e finendo dopo che essa è completamente terminata.

Ti potrebbe interessare anche: Masturbati e vedi come ti passa! I bacchettoni sono sempre pronti a dire che fa male, ma a sostenere il contrario sono i medici. Non potrete neanche immaginare a quante cose dà sollievo. E no, non si tratta solo di “piacere”