Il tuo lui non dura niente e sei disperata. Tra le lenzuola somiglia di più a una saetta che a un mare in tempesta. Basta frustrazioni: dagli da bere la “pozione” miracolosa che Rocco Siffredi non si fa mancare mai. Il suo segreto “lunga vita” ti stupirà…


Di certo il suo segreto non starà tutto nell’alimentazione, ma probabilmente per essere sempre così energico e attivo Rocco Siffredi, nella sua ormai lunga e navigata carriera, avrà curato moltissimo la sua dieta. Addirittura, ultimamente è diventato testimonial di un Energy drink molto stimolante che promette grandi risultati. Per la porno star più famosa d’Italia il sesso è una cosa semplice, da non prendere troppo sul serio, in una recente intervista a Vanity Fair ha declamato il suo “credo”: “Vivere il sesso in modo che non sia una colpa, ma un divertimento”. L’attore ha più volte dichiarato che le dimensioni non sono tutto: “Le dimensioni servono da un punto di vista visivo, io ho successo perché sono generoso con le donne. Mi sono sempre piaciute – per questo all’inizio ho scelto questo lavoro, volevo farmele tutte”. Nell’intervista a Vanity, Rocco spiega anche quale è la “colazione del campione dei set porno”, quella che è in grado di risolvere (pare) i problemi di tutti: “Due uova, un litro di latte e due banane tutto frullato insieme”. Basterà veramente così poco? Se è servito a lui per mantenersi bello sveglio durante le ripresa, probabilmente funzionerà anche tra le mura domestiche.

(Continua a leggere dopo la foto)








Ora che Siffredi ha abbandonato il set (chissà se berrà ancora il bibitone) ha nuovi progetti lavorativi. Tra questi, una “scuola di sesso” che aprirà entro il 2017 a Budapest presso i suoi studi di produzioni pornografica, sarà per donne, uomini e coppie, con insegnanti esperti. Un vero apprendistato per avere un approccio al sesso libero e per capire che “non è male, fa solo vivere meglio”.

(Continua a leggere dopo la foto)





Ma la vita di Rocco non è stata sempre rose e fiori: “A Ortona da giovane ero uno sfigato, ero di classe sociale troppo bassa e le fighe non mi consideravano, andavo in discoteca e non ero in lista, non mi facevano entrare. Adesso vengono in discoteca alle mie serate per toccarmi il pisello”.  Insomma, della serie “cresci bene che ripasso”, forse c’è una possibilità per tutti, magari dopo un corso intensivo alla scuola di Rocco. Intanto, tutti a dieta! 

Ti potrebbe interessare anche: “Ero malato di sesso, non mi controllavo più. Sono stato anche con degli uomini. Ma la cosa più atroce l’ho fatta il giorno del funerale di mia madre…”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it