La dieta di maggio. 3 giorni a settimana di ‘restrizioni’ e via subito 3 kg


Si chiama “dieta di Maggio” ed è il regime che i nutrizionisti del dottor Oz hanno messo a punto per sgonfiarsi e perdere qualche chilo di troppo in vista dell’estate. Ecco come farlo senza rinunciare a nulla. La dieta dimagrante di maggio può far dimagrire fino a 3 kg in sei giorni. E’ una dieta facile da seguire ed è essenzialmente a basso contenuto calorico.

Si basa su un regime alimentare dietetico ricco di proteine che aiuta a rimettere in moto il metabolismo, perché le proteine sono sostanze complesse che richiedono 10-12 ore per essere assimilate, digerite e assorbite, in questo modo il metabolismo deve aumentare la sua attività anche del 70%; inoltre, le proteine tendono ad occupare l’intestino e lo stomaco per ore, dando un senso di sazietà molto più lungo. (Continua a leggere dopo la foto)







Ma vediamo cosa si mangia in un esempio di menù di 3 giorni che può essere ripetuto. Lunedì: colazione con un tè o un caffè, un bicchiere di latte parzialmente scremato oppure uno yogurt magro. Spuntino: un frutto. Pranzo: insalata verde condita con un cucchiaino di olio extravergine di oliva e un cucchiaio di aceto balsamico più un panino integrale. Merenda: un frutto a piacere o uno yogurt magro. (Continua a leggere dopo la foto)






Cena: zuppa di verdura con carota, 2 zucchine, mezzo porro, un pomodoro, uno spicchio di aglio, 100 g di erbette, 100 g di fagiolini, una patata piccola, mezzo peperone giallo, mezza melanzana e un quarto di cipolla, il tutto condito con olio extra vergine di oliva (un cucchiaino) prezzemolo, basilico e sale. Martedì: colazione e spuntini: come primo giorno. Pranzo: un piatto di verdure alla griglia accompagnato da un panino integrale. Cena: scarola (500 g) strascicata condita con capperi, olive, aglio e peperoncino. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Mercoledì: colazione e spuntini: inalterati. Pranzo: un piatto di bietole, fagiolini e patate condite con un cucciaino di olio extra vergine di oliva. Cena: una zuppa di cicoria preparata con 500 g di cicoria, un dado al naturale, un cipollotto, due fette di pane pugliese, aglio e parmigiano grattugiato. Come sempre nelle diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di consultare.

Microbiota intestinale: l’organo del nostro corpo che ‘non ci appartiene’

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it