Le “colichette” del vostro bambino vi fanno preoccupare tantissimo e non sapete come fargliele passare. Con un semplice gesto d’amore e un ingegnosa invenzione… guardate questo video tenerissimo


 

Si chiama Tummy Tub, letteralmente “catino-pancia”, e da domani tutti lo vorrete. Non è una semplice tinozza ma la riproduzione dell’utero materno. La cura del nostro piccolo è al centro dei nostri pensieri e proprio per questo vorremmo che il momento del bagnetto, rito serale di relax, fosse un momento magico che aiuti i nostri bambini a sentirsi bene e soprattutto amati.

(Continua a leggere dopo la foto)

Si chiama Tummy Tub, letteralmente “catino-pancia”, e da domani la tutti la vorrete. Non è una semplice tinozza ma la riproduzione dell’utero materno. La cura del nostro piccolo è al centro dei nostri pensieri e proprio per questo vorremmo che il momento del bagnetto, rito serale di relax, fosse un momento magico che aiuti i nostri bambini a sentirsi bene e soprattutto amati.

(Continua a leggere dopo la foto)



Concepita con lo scopo di permettere al neonato di stare rilassato e calmo durante il momento del bagnetto, la Tummy Tub è una vaschetta ergonomica, a forma di secchio, nella quale il bebè è in posizione fetale sostenuta. A inventarla non poteva che essere una mamma disperata. La donna olandese, su consiglio di un’ostetrica, immerse il neonato in un piccolo secchio pieno di acqua tiepida e subito smise di piangere. Da allora la “magica” tinozza è stata perfezionata e oggi è anallergica e antiscivolo. A renderla tale, in Olanda nel 1993, un team di ricercatori, ostetriche, infermieri, psicologi e pediatri dei Paesi Bassi, cercando di riprodurre la forma dell’utero materno, di modo che il bambino si senta protetto e a proprio agio. Ed è proprio questa la sua particolarità, rispetto a un bagnetto normale.  

Sarete poi voi, mamme e papà, a contribuire affinché il bagnetto sia un momento piacevole e non un incubo, come viene vissuto da molti bimbi. Secondo gli specialisti aiuta anche a calmare le coliche neonatali, molto frequenti tra i bambini. Ovviamente anche in questo caso dovrete immergere vostro figlio in acqua calda (lontano dai pasti), così da aiutarlo a rilassarsi. Potete iniziare a utilizzarla già dal primo bagnetto, ma attenzione, perché soprattutto nei primi sei mesi il vostro piccolo dovrà essere sostenuto per bene. Pio, quando sarà capace di tenere la schiena ben dritta da solo, prenderà il momento del bagnetto più come un gioco e potrete potete utilizzarla fino a quando ha compiuto due anni. 

 

 Le mamme si preoccupano tantissimo per questo disturbo che può colpire la testa dei neonati. La cute si arrossa e prude. Ecco di che si tratta e cosa fare