Caviglie grosse e gonfie come un salame. Torna sexy (dalle ginocchia in giù) con questi rimedi. Ecco le soluzioni per te


 

Le caviglie gonfie sono un problema troppo spesso sottovalutato, ritenuto erroneamente solo uno spiacevole inestetismo da nascondere. 

I sintomi delle caviglie gonfie sono: dolore diffuso in tutta la zona, la quale risulta molto gonfia e provoca fastidi al tatto. Può esservi una difficoltà a stare in piedi e incapacità di muoversi in maniera fluida. Tutto questo può peggiorare ulteriormente la situazione, portando la persona a una condizione di staticità che accrescerà ulteriormente i fastidi nel tempo.

(Continua a leggere dopo la foto)



Le cause possono essere diverse. Ci può essere un difetto della circolazione venosa a livello delle gambe, o varici vere e proprie. Il gonfiore può essere anche spia di una trombosi venosa profonda, tipica complicanza delle vene varicose. Talvolta, il gonfiore è causato da un trauma, una distorsione, oppure è il segnale di una malattia reumatica, in genere un’artrite, di rado un’artrosi. Vediamo qualche rimedio per sgonfiare le caviglie.

Massaggi drenanti – Procedi sempre dal basso verso l’alto, in modo da aiutare la circolazione e andare dalle zone periferiche verso il cuore. Aggiungi piccoli movimenti circolari sul malleolo, per poi finire con un movimento verso l’alto in senso longitudinale. Ricorda che prima di un massaggio è opportuno trattare l’epidermide con un esfoliante, una volta al mese, in modo da eliminare le cellule morte e favorire il microcircolo.

Effettuare freschi pediluvi e brevi docce direzionando il getto nelle zone maggiormente interessate da gonfiore e pesantezza, stimolerà la circolazione e ti donerà un rapido sollievo. All’acqua del pediluvio puoi anche aggiungere erbe rinfrescanti, come lavanda, menta, timo e rosmarino.

Alimentazione – Se il gonfiore delle tue gambe è causato da problemi come la ritenzione idrica, diminuisci subito gli alimenti che la favoriscono, come sale, prodotti confezionati, cibi in scatola, salumi e formaggi. Aumenta invece il consumo di fragole, ribes, mirtilli, kiwi e agrumi, che favoriscono la circolazione sanguigna e supportano i processi depurativi dell’organismo.

Bere almeno due litri di acqua al giorno, mangiare frutta e verdura fresca, non consumare alimenti raffinati e quindi sostituire il sale bianco con un buon sale integrale e così lo zucchero bianco con lo zucchero di canna puro (attenzione perché quello nei supermercati, generalmente, non è vero zucchero di canna) non consumare cibi in scatola. Prediligere centrifugati e frutta di stagione.

Impacchi con aceto – Diluisci una parte di aceto in dieci parti d’acqua ed immergi poi nel liquido dei teli di cotone abbastanza lunghi da poter essere avvolti attorno alle caviglie senza stringere eccessivamente. Bastano 15-20 minuti per avvertire sollievo e leggerezza.

 

È entrata nel nono mese di gravidanza e ha un pancione “che sembra una zucca”, i polpacci che formano un tutt’uno con le caviglie e una voglia matta di chips al gusto barbecue. Ovvio, è lei…