La maschera di bellezza per la vagina. Stranezze moderne: come funziona


Ah, le maschere di bellezza, che piacere! Quando abbiamo il tempo di concedercene una la nostra pelle ringrazia. E anche il nostro umore. Una maschera di bellezza è una coccola che ci concediamo e che aumenta all’istante il nostro benessere. Tutto vero. Che maschere di bellezza fai di solito? Scommettiamo che fai quelle per il viso o per il contorno occhi. Ma hai mai fatto una maschera di bellezza sulla vagina?

Noi non ne avevamo mai sentito parlare eppure c’è un’azienda di Singapore che ha ideato una maschera di bellezza specifica per le parti intime. Cynthia Chua, la fondatrice di Two L (i) ps (cioè l’azienda in questione) si è autoproclamata “Regina della Vagina” e ha spiegato le buone ragioni del perché sia arrivato il momento di occuparci della nostra vagina e più in particolare della vulva. “Come donne, passiamo così tanto tempo a concentrarci sul viso e sulle parti generali del corpo, che penso sia arrivato il tempo di spostare il nostro sguardo più a sud. Soprattutto quando invecchiamo, le nostre zone vaginali diventano più asciutte e meno carnose”, ha spiegato al Sun. Continua a leggere dopo la foto



E ha aggiunto: “Se questo succedesse al viso, è probabile che faremmo di tutto con qualsiasi prodotto per rallentare il processo. Per qualche ragione, però, non facciamo lo stesso con la nostra vulva”. La maschera per la vagina dell’azienda in questione si chiama Blackout e, nei 15 minuti di posa, fa miracoli. Come si legge sul sito promette di “lenire, disintossicare, illuminare e idratare”, oltre ad “aumentare il drenaggio linfatico”. Composta da essenze di fiordaliso, sambuco, crescione indiano e estratti di camomilla, la maschera contiene anche aloe vera e ylang ylang, che pare leniscano e idratino l’area. Continua a leggere dopo la foto


La maschera contiene anche liquirizia bianca che illumina e uniforma il tono della pelle della vulva e la centella asiatica che “ricarica la pelle opaca per riconquistare la sua luminosità”. Insomma, dopo un trattamento così la vagina risplende. Ma funziona davvero? Mary Jane Minkin, professoressa al Department of Obstetrics, Gynecology, and Reproductive Sciences at the Yale University School of Medicine, ha dichiarato a Teen Vogue che non solo la nostra vulva non ha bisogno di essere idratata, lenita, resa luminosa, ma che prodotti del genere potrebbero irritare la vagina e la vulva. Continua a leggere dopo la foto


 


“La maschera è assolutamente inutile – ha detto – meno donne posizionano qualcosa di irritante sui loro tessuti vulvovaginali, meglio è. Il tessuto vulvovaginale è il tessuto più sensibile del corpo, e quasi ogni sostanza estranea può irritarlo”. Sei delusa perché l’idea di illuminare e rimpolpare la vagina ti entusiasmava? Beh, puoi sempre provarla, previo parere favorevole del ginecologo.

Dieta della vagina: basta problemi intimi. Come funziona