Un rumore sordo seguito da dolore improvviso e lancinante. Un incidente (davvero pericoloso) che può capitarvi mentre fate sesso con il vostro partner. Attenzione: ecco le posizioni da evitare


 

Se avete intenzione di fare sesso a breve con il vostro partner, leggere questo articolo potrebbe scoraggiarvi. Sì, perché uno studio anglosassone ha rivelato la posizione da evitare assolutamente per non correre il rischio di incappare nella frattura del pene. Avete capito bene, frattura del pene. Un incidente davvero doloroso.

(Continua a leggere dopo la foto)



A riportare la notizia è il tabloid inglese Mirror: attenzione soprattutto alla pratica del “cowboy”, con la ragazza che sale sopra l’uomo. Proprio quando e lei a essere in controllo della situazione, infatti, il pericolo aumenta. Oltre la metà delle fratture del pene registrate si verificano proprio durante questa situazione.

Ma in cosa consiste, di fatto questa fantomatica “frattura del pene”? In pratica, un trauma legato all’improvvisa e dolorosa rottura della tonaca albuginea dei corpi cavernosi, la zona interna dell’organo, dovuta a un colpo violento durante l’erezione. Chi lo ha riportato dice di sentire un rumore sordo, come di rottura, per poi provare un dolore atroce. Seguono gonfiori e lividi.


 

Un “problemino” non da poco, spesso risolto con una piccola operazione chirurgica per evitare che il paziente si ritrovi a convivere con deformazioni e fastidi continui. Parliamo fortunatamente di un evento molto raro, e che però può trasformare una serata di passione in un incubo. Ecco, allora, che lo studio consiglia di non lasciare troppo l’iniziativa alla metà femminile della coppia.

“Quando è lei a trovarsi sopra all’uomo – si legge infatti nella ricerca – l’intero peso del suo corpo si trova sopra il pene eretto di lui. Essendo lei a dettare i movimenti, c’è il rischio che non si accorga in tempo di qualche posizione troppo dolorosa per l’altro, non riuscendo a fermarsi in caso qualcosa non vada per il verso giusto”.

 

“Ecco com’è vivere e amare con un pene (molto) piccolo”: i racconti dei meno dotati e (a sorpresa) quello che pensano le donne