“Pavimenti splendenti senza alcuna fatica”. Il semplice, efficacissimo trucco


 

Non c’è niente di più bello che accogliere degli ospiti in casa propria sfoggiando un pavimento splendente e profumato, perfetto. Un quadretto perfetto che però costa tanta, tantissima fatica, soprattutto quando si tratta di pulire le cosiddette fughe, ossia quei piccoli spazi che si trovano tra un mattonella e l’altra. Pur lavando spesso i pavimenti e le piastrelle, in particolar modo quelle del bagno, la stanza della casa storicamente più trafficata, tra le fughe possono accumularsi sporco ed eventuali residui di prodotti utilizzati per le pulizie quotidiane. Per non parlare delle piastrelle della doccia, più esposte al vapore acqueo e all’umidità, grandi alleati della muffa. Molto importante, quindi, mantenere puliti anche gli spazi tra una piastrella e l’altra, sia che si tratti del nostro pavimento che del rivestimento del bagno e della cabina doccia. (Continua a leggere dopo la foto)



Tanti i prodotti in commercio utili per questo tipo di pulizie, che però spesso contengono prodotti chimici potenzialmente dannosi a lungo termine. Esistono, però, rimedi naturali perfetti proprio per pulire le fughe di piastrelle e pavimenti.  Innanzitutto è bene sapere che il bicarbonato di sodio, che è una sostanza basica, e l’aceto, acido, combinati insieme creano una reazione chimica, denominata acido-base, che permette di produrre sale (acetato di sodio), acqua e diossido di carbonio (anidride carbonica). (Continua a leggere dopo la foto)


Tale combinazione può essere usata per pulire le fughe in modo naturale ed economico. Basta preparare un impasto denso composto da 3 parti di bicarbonato di sodio e una parte di acqua (ad esempio 3 cucchiai del primo e un cucchiaio del secondo) che andrà applicato manualmente sulle fughe. Una sorta di crema da spalmare tra gli spazi delle piastrelle. Nel compiere questa operazione, è importante ricordarsi di indossare i guanti di gomma. (Continua a leggere dopo la foto)


 

A quel punto va preparata una seconda soluzione composta da acqua e aceto in parti uguali da inserire in uno spruzzino. La soluzione va poi schizzata sopra la pasta di bicarbonato precedentemente spalmata sulle fughe e lasciata agire per alcuni minuti, fino a quando la reazione chimica non sarà terminata, ossia finché non si vedranno più le bolle. A quel punto basta prendere una spazzola con setole di nylon o uno spazzolino da denti e strofinare gli spazi tra le piastrelle, per poi lavare con acqua senza l’uso di detersivi.

“Sto male”. Crolla sul pavimento davanti alla moglie impotente. Erano da poco arrivati in vacanza