Massaggiare i piedi prima di andare a letto? Bastano pochi istanti per un risultato sorprendente: tutti i benefici di un gesto “sconosciuto”


 

Riflessologia plantare. Per molti un mito. Per altri realtà. Beh, mettetevi l’anima in pace voi scettici, perché massaggiare i piedi prima di andare a dormire può fare la differenza.I piedi infatti sono attraversati da circa 7000 terminazioni nervose che coincidono con quelli che la medicina cinese chiama meridiani energetici.

Questi meridiani passano per tutti gli organi del corpo e quindi stimolandoli in modo corretto possiamo attivare la guarigione degli organi corrispondenti ai vari punti. Naturalmente questo tipo di approccio non deve essere sostitutivo di quello medico, tuttavia però può esser un buon coadiuvante.

Massaggiare i piedi inoltre si è rivelato abbastanza utile per migliorare il sesso -accresce la libido e scioglie le tensioni che causano l’eiaculazione precoce – , allevia il mal di testa, favorisce il sonno, migliora la circolazione, allevia i sintomi da raffreddamento, favorisce la digestione. Questo è quanto ma non tutte le tecniche possono essere giuste. (continua dopo la foto)








 

La migliore ipotesi è quella di andare da un riflessologo plantare che conosce con esattezza i punti precisi e quindi può fare un massaggio adatto ai nostri particolari bisogni. Possiamo comunque massaggiare autonomamente i nostri piedi in modo semplice e senza nessun costo, nel confort di casa nostra. E’ una pratica che possiamo mettere in pratica tutti i giorni

. FASE 1: Passa attorno il piede per scaldarlo, parti dalla punta e arriva alla caviglia più volte fino a che senti che il piedi si è ammorbidito e scaldato;

FASE 2: Fai pressione ai lati del piedi come cercando di spremerlo. Eseguilo più volte, dalla punta alla caviglia.

FASE 3: Premi, stira e gira ogni dito dei piedi più volte, dal pollice al mignolo.

FASE 4: Premi con entrambi i pollici sulla pianta del piede, partendo dalla punta fino al tallone e alla caviglia.

FASE 5: Ripeti la fase 4 però stavolta mentre premi effettua anche dei movimenti circolari.

FASE 6: Premi con i pollici la zona della caviglia cercando di stimolarla tutta.

FASE 7: Ripeti la fase 2.

FASE 8: Martella con le nocchie delle mani la pianta e il dorso del piedi, come se stessi suonando un tamburo, cercando di stimolare tutte le aree.

Semplice no? Provare per credere.

Ti potrebbe interessare anche: “Mi fa male il piede”, dentro c’era un verme lungo un metro

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it