Problemi di umidità a casa? Niente paura, c’è un rimedio fai-da-te facile e conveniente. Basta una bottiglia, questo ingrediente e il gioco è fatto. Le istruzioni passo passo per creare il proprio deumidificatore personale


 

Che brutta bestia l’umidità! Per tante case e molte famiglie un vero e proprio cruccio invernale. Una soluzione economica, conveniente ed efficace potrebbe essere quella di costruire un deumidificatore fai da te, totalmente naturale, sfruttando tutti i vantaggi del sale. Sì, proprio il prodotto da cucina più comune è un eccellente deumidificatore: vale la pena di impiegarlo, quindi, per ottenere il miglior comfort abitativo possibile. Per prima cosa è necessario procurarsi una bottiglia di plastica o un altro contenitore a forma di cilindro: nel caso in cui si utilizzi una bottiglia, occorre togliere la parte superiore.

(continua dopo la foto)



Dopo che è stata tagliata, la bottiglia va riempita con del sale grosso. Non esiste un quantitativo standard, nel senso che dipende dalla grandezza del locale: si può considerare che per una stanza larga 4 metri e lunga 4 metri si possono impiegare circa 100 grammi di sale. Bisogna ricordarsi che il deumidificatore naturale a base di sale, prima che possa essere utilizzato, va messo in frigo e tenuto al fresco per non meno di dodici ore (nel frigo la bottiglia dovrà essere coperta, per esempio con un panno). Una volta estratto dal frigo, il deumidificatore home-made è pronto, e può essere collocato nell’ambiente da trattare: i suoi effetti benefici si noteranno soprattutto di notte, cioè quando l’umidità aumenta e, di conseguenza, si dimostra ancora meno piacevole e più fastidiosa.

(continua dopo la foto)


Il sale, molto semplicemente, assorbe l’umidità, e per accorgersene è sufficiente dare un’occhiata alla bottiglia, che con il passare del tempo si riempirà di acqua. Quando il sale è completamente bagnato, va messo in forno in modo tale che possa asciugare: basta collocarlo per una decina di minuti in una teglia con il forno acceso a bassa temperatura. Poi, il sale asciugato può essere utilizzato di nuovo, fino a quando, di volta in volta, si rivelerà non più capace di assorbire l’acqua. Una soluzione alternativa per dire addio all’umidità in casa, sempre sfruttando il sale, prevede di metterne un po’ in alcuni sacchettini di tela o di cotone, da posizionare nei punti più umidi: il risultato sarà più o meno lo stesso. Provate e fateci sapere come va.

Ti potrebbe anche interessare: Eliminare la muffa e l’umidità dai muri in modo naturale (e senza spendere un euro): i 3 metodi più efficaci