Crunch effect: è la nuova frontiera della dieta. Ne avete mai sentito parlare? Fa perdere peso rapidamente e senza fatica e l’unico sacrificio richiesto è masticare. Bello, no?! Il corpo ringrazierà e anche la pancia. Da provare


 

Quante diete conosciamo? Quella del digiuno e quella Dukan, poi ci sono i percorsi alimentari fai da te, la dieta Detox e le continue rinunce, insomma certe volte viene voglia di mandare al diavolo la bilancia, ma quei chiletti in più ci ossessionano. Ma non è tutto. Quale sia la dieta più efficace se lo chiedono ogni giorno anche gli esperti di nutrizione, oltre ovviamente chi deve perdere peso e lo vuole fare soprattutto senza troppa fatica e sacrifici. Per alcuni è la dieta iperproteica, per altri l’emo-dieta, per altri è quella che inverte l’ordine delle portate, per altri ancora è il regime alimentare che si riesce a seguire più a lungo, per altri ancora è quella più rumorosa. Sì proprio così. Tutto questo, però, non sembra aver aiutato a superare la tanto temuta prova costume, che anche quest’anno ci ha messe in crisi. Ma attenzione, c’è una novità che vi piacerà moltissimo. Da uno studio della Brigham Young University (Utah) e dell’Università del Colorado è emerso, infatti, che ascoltare il rumore del cibo che si sta masticando ne farebbe assumere minori quantità: si chiama crunch effect. (continua dopo la foto)



In pratica, il segreto per dimagrire non risiede in quello che mangiamo ma in come lo mangiamo, portando a galla una verità poco nota ma che, se fosse confermata, sarebbe una vera rivoluzione per tutti quelli che sperano di poter buttare giù qualche chilo di troppo.
Gli studiosi hanno chiesto ai 75 partecipanti del test di mangiare alcuni snack croccanti come biscotti e cracker e mentre la prima volta è stato chiesto loro di concentrarsi sul suono del cibo che stavano sgranocchiando, in un’altra gli sono state fatte indossare delle cuffie che emettevano suoni che coprivano i rumori provocati dalla masticazione. Chi sentiva se stesso mangiare ha consumato in media 3 porzioni di snack contro 4 di chi non sentiva il rumore della propria masticazione per via della musica alta. (continua dopo le foto)



 


Quindi l’esame ha dimostrato che coloro che avevano a disposizione dei suoi tenui hanno mangiato con moderazione, mentre chi ha ottenuto una cuffia con un suono in grado di coprire il rumore della masticazione, ha ingurgitato il 45% di salatini in più. Con questo metodo, garantiscono gli studiosi, è possibile assumere fino al 30% di calorie in meno, a patto che i pasti vengano consumati in stanze silenziose e che la persona interessata riesca ad ascoltare i suoni provocati dalla propria masticazione. “Ascoltare se stessi mentre si mastica serve come segnale di monitoraggio interno del proprio consumo di cibo”, garantiscono gli scienziati, che di conseguenza raccomandano di non consumare cibo davanti alla tv o in luoghi molto rumorosi.

Ti potrebbe interessare anche: “Ecco perché non dimagrisci!”. Stai sempre a dieta eppure i risultati non ti soddisfano, ti senti depressa (e cicciona), così vorresti buttare la bilancia. Mai sentito parlare della crono-nutrizione? Pare che faccia il miracolo: parola degli esperti