‘’Dai, non è possibile’’. Eccome, se lo è. Ha preso due foglie di cavolo, le ha infilate nel reggiseno e ha aspettato 3 ore. Allo scadere del tempo, si è ritrovata in questo modo (senza alcun dolore). Sperimentare è d’obbligo


 

Mette delle foglie di cavolo sul seno e, poco dopo, si sente un’altra. E, soprattutto, ha un altro seno. Davvero. Ma che razza di cosa strana. Che cosa mai accadrà appoggiando sul seno delle foglie di cavolo? Il cavolo è ricco di zolfo e di lipidi e l’olio delle foglie è composto da braxicina, nota per le sue proprietà antinfiammatorie. Tra le altre cose, le foglie di cavolo disinfettano, leniscono, stimolano la circolazione del sangue, attenuano il dolore e hanno proprietà antimicrobiche. Insomma, sono una bomba. Pare che fin dall’antichità il cavolo fosse usato come curativo. Non ne sapevamo nulla. Sapevamo invece che mangiare cavolo è una mano santa: chi mangia grandi quantità di questo alimento, ha meno probabilità di ammalarsi di cancro del colon, cancro alle ovaie, utero e seno. Succede perché alcuni elementi contenuti nel cavolo aumentano il processo metabolico di estrogeni. Ma il cavolo fa anche altro: riduce i sintomi di reumatismi e artrite; aiuta chi soffre di gastrite, cura l’influenza, è diuretico e migliora la flora intestinale. Continua a leggere dopo la foto






Ok, ma eravamo partiti dalle foglie di cavolo sul seno… A cosa serve? A ridurre la fastidiosa sensazione di dolore e gonfiore che spesso compare in quella zona. Questo rimedio è consigliato alle donne che allattano, ma non solo. Come è possibile? Le vitamine C e K, contenenti acido folico e ferro, riducono la congestione e garantiscono il flusso del latte. Anche il capezzolo trarrà giovamento e il dolore sparirà. Solo le donne che allattano o che sono in dolce attesa (il seno è teso e dolente anche in gravidanza) possono sperimentare questo impacco? No. Sono tante le donne che soffrono di dolore e gonfiore al seno durante il ciclo mestruale o prima. Anche a loro è vivamente consigliato provarlo… Continua a leggere dopo la foto








{loadposition intext}

Come si procede? Metti il cavolo in frigo un’ora prima di quando intendi fare l’impacco poi infila due foglie fredde nel reggiseno. Stop. Secondo il ginecologo Rob Hicks, l’ideale è fare l’impacco dopo ogni pasto. Per quanto tempo devo tenerle? Qualche ora. Ripetendo l’operazione più volte al giorno i benefici saranno immediati. Bello no? Ma non è finita. Le foglie di cavolo sono utili anche in caso di contusioni, dolore alle caviglie, alle articolazioni e alle ginocchia. Anche in questo caso, le foglie si applicano direttamente sulla zona da trattare. In alcuni casi, le foglie possono essere lasciate in posa tutta la notte accuratamente fermate da una benda.

Leggi anche: Ha preso un batuffolo di cotone imbevuto di collutorio e lo ha strofinato per qualche minuto sotto le ascelle e poi ha assistito con grande sorpresa a questo ”spettacolo”. Non ne sapevamo nulla! E tu?

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it