Addio feste di Natale, benvenuta dieta. I pranzi e le cene vi hanno ”regalato” qualche chilo di troppo? No problem, ecco il decalogo per tornare in forma (e in salute)


 

Pranzi e cenoni hanno scandito le giornate di molti in un trionfo di antipasti, primi piatti e panettoni farciti. Ma ora è tempo di mettersi a dieta. Il nuovo anno e la ripresa dei normali ritmi lavorativi possono essere occasione per rimediare ad alcuni piccoli errori alimentari e perdere senza tanto sforzo qualche chiletto accumulato tra pranzi di famiglia e cenoni tra amici. Sempre valido il vecchio rimedio del carbone vegetale che funziona alla perfezione per sgonfiare la pancia. Il carbone vegetale infatti, assorbe i gas formati dalla fermentazione. Altrettanto efficaci sono i grassi Omega 3 antiinfiammatori e antigonfiore del pesce. Se avete problemi di pancia gonfia dovete limitare o eliminare i legumi e quindi piselli, fagioli, lenticchie, ceci e fave. Ci sono anche verdure che provocano gonfiore, come cavoli, broccoli, cavolfiori, cipolle e persino ravanelli e cetrioli. Anche i latticini, ovvero latte e formaggi, – esclusi parmigiano e yogurt- tendono a fermentare nell’intestino, provocando gonfiore in corrispondenza della pancia. Da evitare anche il lievito che fermenta così come i prodotti lievitati, come il pane e simili. (Continua a leggere dopo la foto)






Un valido alimento da mangiare dopo le feste che contiene solo 90 calorie sono le mandorle. A Natale sono facilmente reperibili, dunque non si sottovaluti l’inserimento delle mandorle in una dieta dopo le feste per tornare in forma e depurarsi. Spesso le grandi abbuffate delle ricorrenze, non fanno altro che accelerare il processo di invecchiamento del nostro organismo. Le mandorle sono ricche di antiossidanti, inserendo quattro o cinque mandorle nella dieta dopo le feste, consumandole in tutto l’arco della giornata, può portare molti benefici al nostro organismo e aiutarci a sgonfiarci allo stesso tempo assumendo solo circa 40 calorie.

(Continua a leggere dopo le foto)






 



 

Buona regola è inoltre dimezzare la quantità di carboidrati: non vanno eliminati completamente (basta non superare i 50 gr a pasto) . Come non è utile saltare del tutto il pasto. Meglio puntare sugli abbinamenti giusti. Per sgonfiare la pancia è consigliabile bere a colazione tisane depurative al posto del caffè. Fare spuntini frequenti, per non appesantire l’intestino con pasti pesanti e abbondanti e mangiare con lentezza, per non assumere aria insieme al cibo. Il rimedio migliore è sempre quello di praticare tanto movimento. Evitare di sgranocchiare continuamente cibo e simili come chewing-gum, caramelle e di sorseggiare bibite.

“Ero disgustosa!”. A 24 anni pesa quasi 110 chili. Depressa e insoddisfatta si mette a dieta e diventa la metà. Solo un piccolo inconveniente: era ricoperta da rotoli di pelle flaccida. Poi le viene un’idea… e adesso è così (incredibile)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it