Perdi i capelli? Ecco il rimedio miracoloso per risolvere il problema. Doloroso ma efficace


 

Grandi novità in tema di calvizie. Sembra sia stata trovata una cura in grado di far ricrescere i capelli in alcune parti specifiche della testa, una mano santa per risolvere i problemi dovuti ad alopecia e forse anche per la fastidiosa “chierica”. Come cura è un po’ dolorosa, ma può aiutare a vincere la calvizie maschile: strapparsi i capelli. Sembra strano, ma si è visto, almeno nei topi, che tirando via 200 peli da una determinata zona della pelle, è stata indotta la rigenerazione fino a 1.200 follicoli, una volta modificati i segnali chimici che stimolano la rigenerazione. A spiegare il funzionamento della cura è l’Ansa che cita a sua volta l’articolo pubblicato sulla rivista Cell, il risultato si deve ai ricercatori guidati da Cheng-Ming Chuong della University of Southern California.

(continua dopo la foto)







Essendo dermatologo, Chen sapeva che le lesioni ai follicoli dei capelli influiscono sull’ambiente circostante, influenzando la rigenerazione. Così ha iniziato a pensare a come usare l’ambiente per attivare più follicoli. Per testare la teoria, i ricercatori hanno ideato una particolare strategia per strappare, uno ad uno, 200 follicoli piliferi, secondo diversi schemi, sulla schiena del topo. I ricercatori hanno notato che, quando si strappavano i peli secondo un modello a bassa densità da un’area di oltre 6 millimetri di diametro, non si otteneva nessuna rigenerazione. Se invece si strappavano secondo uno schema a più alta intensità da aree circolari con un diametro di 3-5 millimetri, allora si innescava una rigenerazione di 450-1300 peli. Secondo i ricercatori, questo processo si basa sul principio della ‘percezione del quorum’, che definisce come un sistema risponde ad uno stimolo che colpisce una parte, ma non tutti i suoi membri. In questo caso, la percezione del quorum è alla base di come il sistema dei follicoli piliferi risponde quando ne viene strappato qualcuno, ma non tutti. Tramite analisi molecolari, gli studiosi hanno dimostrato che i segnali dei follicoli strappati ‘stressano’ rilasciando proteine infiammatorie, che arruolano le cellule immunitarie che si precipitano sul sito della lesione. Queste iniziano a produrre delle molecole di segnalazione che, ad una certa concentrazione, comunicano sia ai follicoli strappati che agli altri, che è venuto il momento di far crescere i capelli. Si apre così la strada a nuovi modi per trattare l’alopecia.

Ti potrebbe anche interessare: A 3 anni dona i suoi capelli ad una bambina malata: “Se non li ha può avere i miei”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it