Torna l’ora legale (e i suoi rischi per la salute). Tutto quello che vi conviene sapere…


 

Ci risiamo: la notte tra il 28 e il 29 marzo torna l’ora legale, che sposterà le lancette di un’ora avanti. Si dorme un’ora in meno ma soprattutto ci sono ripercussioni poco piacevoli per la salute: insonnia, inappetenza, spossatezza, fatica nella concentrazione e perfino infarto. Istituita molti anni fa per contenere i consumi energetici, l’ora legale va ben al di là dello spostare le lancette avanti di un’ora (alle 2 di notte di domenica 29 marzo 2015).

Come ricorda Oggi, i più preoccupati sono gli statunitensi che hanno proposto di abolire l’ora legale. Perché? Passare all’ora legale aumenterebbe del 24%-25% il rischio di subire un infarto. Questo è quanto emerso da uno studio dell’Università del Michigan, che vede nel lunedì successivo – in questo caso il 30 marzo – il giorno più a rischio. Gli esperti sono comunque tutti concordi nel ritenere che, soprattutto durante le prime settimane dopo il cambio, a subirne le conseguenze saranno un po’ tutte le categorie. I bambini avrenno un sonno disturbato e una sonnolenza diurna che si ripercuoterà sul rendimento scolastico, mentre gli adulti, più stanchi, potrebbero essere più a rischio incidenti stradali e mancanza di concentrazione al lavoro. Ma alcune accortezze possono aiutarci a tollerare meglio il passaggio.

Utile è abituarsi già qualche giorno prima al nuovo orario: andare a letto la sera e alzarsi anche in anticipo. Dopo il cambio dell’ora, invece, evitare di bere bevande alcoliche o contenenti sostanze eccitanti come caffè e tè. Meglio alimentarsi con cibi sani come quelli contemplati dalla dieta mediterranea, composta da cereali integrali, oli vegetali come l’extravergine di oliva, frutta e verdura di stagione e anche un po’ di pesce. Una dieta di questo genere stimola la produzione di serotonina, l’ormone del benessere, che regala anche un buon sonno. A tutto questo possiamo abbinare delle rilassanti passeggiate nel verde che aiutano a fare il pieno di ossigeno, vitamina D e a mantenersi in forma.

Ti potrebbe interessare anche: L’ora legale? Provoca l’infarto. Al via un appello per abolirla