Eros, 4 domande imbarazzanti per te e per lui (con relativa risposta)


 

Dai rapporti veloci per lui, alla secchezza vaginale in menopausa di lei, dal piacere che non arriva. Questi sono alcuni dei problemi di coppia di cui, spesso, non si parla, un po’ per vergogna e un po’ per paura di sapere cosa pensa il partner. Starbene ha chiesto ai suoi esperti di rispondere alle domande imbarazzanti che nessuno osa porre. Vediamo quali sono.

(Continua a leggere dopo la foto)







 

1. Lui è sempre un “velocista”. ‘’Se il problema è antico,- spiega la professoressa Alessandra Graziottin, direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica dell’Ospedale San Raffaele Resnati di Milano – significa che costituzionalmente è un amante “short action”. Se invece è insorto da poco, occorre indagare sul fronte prostata che, se ingrossata e infiammata (le prostatiti croniche sono spesso silenti), accelera il riflesso. Inoltre, – prosegue – devi sapere che clinicamente viene definita precoce solo quella che si verifica entro 2 minuti dall’inizio della penetrazione, preliminari e giochi esclusi. Se lui dura 5-6 minuti non è “precox’’’. Il consiglio. Però, se la cosa non ti soddisfa e desideri prolungare i tempi dell’amore, sappi che l’urologo o l’andrologo potrà proporre al tuo “lui” due soluzioni farmacologiche: l’assunzione di paroxetina, un antidepressivo serotoninergico o la dapoxetina, farmaco specifico, da prendere all’occorrenza, un’ora prima del rapporto.

2. Mancanza di lubrificazione superati i 50 anni. ‘’Non c’è da preoccuparsi: una riduzione della lubrificazione vaginale è normale verso i 50 anni, quando si è entrate o si sta per entrare in menopausa, risponde Graziottin. Però è bene non accettare la secchezza vaginale come una condizione definitiva. È consigliato fare dosaggi ormonali (fsh, lh, 17-betaestradiolo) per capire se sei in menopausa conclamata o in climaterio, la fase che la precede. Il consiglio. Basta assumere degli estrogeni per via vaginale, pronti a “nutrire” e reidratare le mucose interne.

3. Rapporti orali: rischio la candida? Sì, se hai rapporti con un partner affetto da questo fungo. È una delle infezioni più diffuse (il 46 per cento vengono contratte con rapporti oro-genitali). ‘’La candida provoca il mughetto, piccole e brucianti placchette bianche all’interno del cavo orale, che regrediscono solo con antimicotici per bocca (come il Fluconazolo), spiega Alessandra Graziottin. Se, invece, sul pene ci sono delle vescicole, queste potranno comparire, nel giro di poco tempo, anche sulle tue labbra. A volte sono accompagnate da ulcerette nella mucosa interna della bocca che provocano un forte bruciore. «Si tratta dell’HSV2 (Herpes Simplex Virus di tipo 2). Il consiglio. Proteggiti sempre con un contraccettivo, se hai dei flirt occasionali. Se puoi scommettere a occhi chiusi sulla fedeltà del tuo “lui”, controlla comunque il pene prima di un rapporto.

4. Nessun ‘’piacere’’, forse sono stufo di lei? ‘’La risposta dell’eros, anche nell’uomo, non è solo una questione fisica, ma anche (e soprattutto) di testa. È quindi probabile che le tue débâcle siano legate a un problema di relazione: se la vita di coppia ti “va stretta” e i rapporti con la tua partner sono tesi, la sessualità ovviamente scricchiola’’, spiega a Starbene Roberta Rossi, dottoressa all’Istituto di sessuologia Clinica di Roma. Attenzione anche allo stress. La mancata risposta può essere legata a un problema organico: una riduzione della produzione di testosterone, la tiroide che lavora poco, infiammazioni della prostata o delle vescicole seminali. l consiglio. Se hai il sospetto che la causa sia una disfunzione organica, chiedi consiglio a uno specialista. Prendi già dei farmaci? Chiedi al tuo medico se possono interferire con la tua vita di coppia e se si possono sostituire.

Potrebbe anche interessarti: 

Eros, ecco gli 8 seri motivi per cui ci deve (e non ci devi) proprio rinunciare

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it