In aereo ci vai truccata? Che errore! Non farlo più: ecco perché. Ricordatelo la prossima volta


 

C’è chi adora volare e chi invece farebbe volentieri a meno di prendere un aereo. Ma per andare in certi posti è necessario, dunque meglio attrezzarsi al meglio. No, per la paura non possiamo fare niente. Questi sono consigli per viaggiare. Consigli utili, però, che è bene tenere a mente prima di arrivare in aeroporto. Pensateci bene, per esempio, prima di scegliere l’outfit, specie se dovete affrontare un viaggio lungo. Per prevenire l’aria condizionata ed eventuali freddate proprio prima della tanto agognata vacanza sono approvati cardigan, sneakers, jeans, e una sciarpa. Non la dimenticate: è ottima anche come cuscino oltre che per proteggervi dall’aria. Stesso discorso per le scarpe: le infradito, anche se state andando in un’isola tropicale, lasciatele in valigia e optate per una scarpa chiusa. Ed evitate come la peste i vestiti ‘complicati’ da aprire e sfilare, magari nella minuscola toilette dell’aereo. E ora passiamo al capitolo make up. (Continua dopo la foto)







Truccarsi è un’operazione che ci viene spontanea. Lo facciamo tutte le mattine prima di uscire, ma è fortemente sconsigliato farlo prima di salire a bordo di un aereo. Lo sapevate? Parola di esperti: il trucco in aereo non fa bene alla pelle. Come riporta Gioia, innanzitutto le cabine hanno normalmente bassi livelli di umidità (secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il livello sarebbe inferiore al 20% ndr), il che può causare non solo secchezza della pelle e delle labbra, ma anche difficoltà a chi indossa le lenti a contatto. (Continua dopo la foto)




L’ambiente secco, dunque, è già di per sé un problema per la pelle, quindi il trucco non farebbe altro che peggiorare una situazione già delicata. No, allora, a fondotinta pesanti che non permettono alla pelle di respirare e creme con ingredienti a base di silicati, come i filler per le rughe, che tendono a seccare. Approvate invece, le creme idratanti, ancora meglio se con acido ialuronico o le BB cream, che possono aiutare il viso a mantenere l’equilibrio idrolipidico. (Continua dopo la foto)


 


“Non è solo il trucco il problema, è più la combinazione di fattori che si verificano quando saliamo su un aereo – dice la dermatologa Frances Prenna Jones al sitio harper’s bazaar – Il cambiamento della pressione atmosferica e l’aria condizionata influenzano i nostri recettori delle ghiandole sebacee che determinano la quantità di secrezioni che produciamo o non produciamo. Questo – prosegue -, oltre al trucco che spesso ha un pesante contenuto simile al talco, blocca le nostre ghiandole sebacee, aumentando la probabilità di un breakout”.

Ahi, che brutta scottatura. Ma ecco che fa questa ragazza per alleviare il dolore. Funziona! Questa non la sapevamo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it