Quel solco ‘curioso’ tra le labbra e il naso: lo guardiamo più volte al giorno allo specchio, ma sono davvero in pochi a sapere a cosa serve. Per i più curiosi di conoscere il proprio corpo, ecco spiegata la sua funzione


 

Avete capito di quale parte del corpo stiamo parlando? Certo è che in alcune persone è più evidente, in altre meno. Ma non può certo passare inosservato quel piccolo solco che si trova tra le labbra e il naso, che si chiama prolabio ed è noto anche come solco sottonasale o arco di Cupido. D’altronde, tutti noi lo abbiamo. Ma sapete che funzione ha? Ce lo spiega il dottor Claudio Cricelli: “è una parte di transizione tra la cute del viso e la mucosa della bocca, che non ha in realtà nessuna funzione pratica, ma piuttosto estetica”, spiega il dottor Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg). “Anche se molti non lo notano, le labbra, insieme al prolabio – sottolinea Cricelli – sono in assoluto la parte che maggiormente caratterizza il viso di una persona”. Le donne amano metterla in evidenza con il rossetto, anche e soprattutto con le famose ‘labbra a cuoricino’ che tanto andavano negli anni ’20, ma che non passano mai di moda. (Continua a leggere dopo la foto) 








“Nel momento in cui con la chirurgia estetica si aumenta il volume delle labbra, non si fa altro che dare ancora più risalto a quel solco che fa impazzire gli uomini. Non c’è nulla di più seducente – conclude il medico – che accentuare l’arco di Cupido. Una piccola curiosità: nella tradizione ebraica il solco sottonasale è il segno lasciato dall’angelo della dimenticanza sulle labbra dei bambini appena nati. In alcuni racconti chassidici infatti si narrano molte leggende riguardanti questo particolare episodio. (Continua a leggere dopo le foto) 





 


 

Secondo la tradizione, ogni bambino, ancora nel grembo materno, viene istruito da un angelo sulla torah (il riferimento centrale della tradizione religiosa ebraica,un insegnamento che offre un sistema di vita per coloro che lo seguono), ma al momento della nascita l’angelo gli pone un dito sulla bocca, come per dire ‘silenzio’ e il bambino dimentica ogni cosa. L’unica traccia che rimane di questo evento è il solco. C’è chi lo ha molto enfatizzato di natura ma, tuttavia, la maggior parte dei tipi di labbra non ha uno definito in modo netto e regolare.

Leggi anche: Altro che amore a prima vista, abbiamo sempre creduto a una menzogna! Non è vero che ci si può innamorare solo con uno sguardo, ecco quando Cupido colpisce davvero. Lo studio che rivoluziona il concetto di amore

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it