“Così ti cadono i capelli! Non farlo”. Ci sono degli errori, banali ma molto comuni, che causano lo sfoltimento della tua chioma: ecco quali sono. E fai molta attenzione


 

I capelli cadono a tutti e finché la perdita è minima non c’è da preoccuparsi. Ma se le ciocche piovono a manciate, meglio farsi vedere da un medico, perché potrebbe essere il segnale di una carenza o di una patologia seria. Ma c’è anche un altro fattore che potrebbe aver originato il copioso sfoltimento: lo styling. O meglio, degli errori che si fanno nel tentativo di dare ai capelli un aspetto migliore, finendo per rovinarli. Ecco gli otto errori più comuni che facciamo nello styling. 1. Usare piastra o arricciatore caldi: prima di lisciare o fare riccioli è sempre bene applicare uno specifico prodotto protettivo sui capelli che non secchi i follicoli del cuoio capelluto. In questo modo si eviterà di ‘friggere’ la chioma, dando il via al diradamento. In ogni caso è comunque preferibile non usare i ferri caldi del mestiere per più di due volte a settimana. 2. Esagerare con spazzola o pettine: spazzolare o pettinare la chioma troppo spesso stressa inutilmente il cuoio capelluoto, provocando la rottura e la caduta dei capelli. In realtà è sufficiente spazzolare i capelli due volte al giorno, al mattino e alla sera. Se invece siete in lotta perenne con i nodi provate a spazzolare dolcemente i capelli col balsamo mentre siete sotto la doccia. 3. Usare costantemente lo shampoo secco: a dispetto del nome, lo shampoo secco non è affatto uno shampoo, perché non contiene agenti detergenti. (Continua a leggere dopo la foto) 








Il che è una buona cosa se lo si usa sporadicamente, ma se ne si abusa, gli ingredienti di cui è composto finiranno col depositarsi sui follicoli, soffocandoli e causando irritazioni ed infezioni che porteranno all’inevitabile caduta dei capelli. Per non correre rischi, utilizzate lo shampoo secco non più di una o due volte a settimana. 4. Fare la coda troppo stretta: coda di cavallo, trecce e chignon troppo stretti stressano i capelli alla radice, soprattutto se sono una costante. Questo tipo di diradamento in termini medici ha il nome di alopecia da trazione e può anche diventare permanente. Ogni volta che vi è possibile dunque, lasciate i capelli sciolti o legateli in maniera morbida. 5. Tingersi continuamente: coprire i capelli grigi con una tonalità più scura non è un grosso problema, se da brunetta vuoi diventare biondo platino, allora è necessaria la decolorazione, che però è un procedimento molto invasivo per la chioma e dopo un po’ secca e indebolisce il capello.

(Continua a leggere dopo le foto) 





 

Nel tempo, se non si sta attenti, il rischio è di disintegrare letteralmente il capello. Non fate le tinte da sole, ma affidatevi a un professionista e date alla vostra chioma una pausa dalla tinta almeno ogni due mesi. 6. Ricorrere alle extensions: saranno anche di moda, ma per i capelli sono un vero supplizio. Se optate per le extensions, trattatele con delicatezza e assicuratevi di non tirarle troppo quando spazzolate i capelli. Ancora più importante è che sia solo un professionista esperto a fare il lavoro. 7. Cotonare i capelli: se il lavoro è fatto nel modo giusto, il risultato è senz’altro sexy e sofisticato, ma se si cotonano i capelli troppo di frequente, si finisce con l’indebolirli, provocandone così la caduta. In altre parole, se avete i capelli secchi, danneggiati o con le doppie punte, meglio evitare.

Leggi anche: Afro style, Rock punk, Urban chic e gli altri: ecco tutti i tagli di capelli da sfoggiare quest’estate. Stili semplici da portare, personalizzabili e versatili per essere super sexy

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it