Quante ore al giorno restate seduti? Date uno sguardo qui, se ci state questo tempo allora sono guai (molto seri): ecco cosa succede al vostro corpo (e cosa rischiate)


 

Alzi la mano chi di voi non ha mai sognato l’eterna giovinezza. Beh, visto che a parte Paperon de Paperoni la sorgente dell’acqua della vita non l’ha trovata mai nessuno, il sogno è destinato a rimanere tale. Quindi rassegnatevi a invecchiare, a vedere la pelle sotto il mento essere tirata giù dalla forza di gravità e (per gli uomini), la testa perdere la folta chioma di cui era ricoperta. Certo, la scienza ha fatto passi da gigante ma, senza un corretto stile di vita neppure la bava di lumaca potrà fare qualcosa. Per esempio, se per ore siete costretti a rimanere seduti, magari per completare più in fretta le pratiche in ufficio, allora siete fregati. Numerosi studi scientifici ricordano infatti quanto questo atteggiamento sia negativo per la nostra salute, soprattutto a una certa età. Tanto da poter accelerare l’invecchiamento dell’organismo. Lo sostiene uno studio della University of California San Diego School of Medicine, pubblicato sulla rivista American Journal of Epidemiology, che ha preso in esame un campione di poco meno di 1.500 pazienti. (Continua dopo la foto)






Secondo i ricercatori, le donne che stanno su una sedia o in poltrona per più di 10 ore, facendo al tempo stesso poco esercizio, hanno cellule biologicamente più vecchie di otto anni rispetto a coloro che sono invece meno sedentarie. La ricerca, scrive Repubblica, ha preso in esame 1481 signore, tra i 64 e i 95 anni, che erano parte di un più ampio campione che ha partecipato alla Women’s Health Initiative, un’analisi nazionale sulle malattie croniche e la menopausa.

(Continua dopo le foto)






 



 

 

Le partecipanti indossato un accelerometro sul fianco destro per sette giorni consecutivi durante le ore di veglia e di sonno per monitorare i movimenti. Per raccontare i loro stili di vita hanno risposto a questionari sulle loro abitudini. Dai dati dello studio è emerso ancora una volta quanto il movimento sia essenziale non solo per una vita sana, ma anche per invecchiare bene. Dai risultati emerge che le donne anziane che facevano meno di 40 minuti al giorno di attività fisica da moderata a intensa avevano dei telomeri più corti. I telomeri sono le ‘estremità’ dei cromosomi, che li proteggono dal deterioramento e progressivamente si accorciano con l’età. “Le discussioni sui benefici dell’esercizio fisico – spiega l’autore principale della ricerca, Aladdin Shadyab – dovrebbero iniziare quando siamo giovani, e l’attività fisica dovrebbe continuare a far parte della nostra vita quotidiana, anche da più anziani, a 80 anni”. Siete ancora in tempo!

Basta stress da lavoro: fai così per conquistare benessere e aumentare la tua produttività

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it