Sgridate spesso i vostri figli? Pensate che questo sia l’unico modo per farli stare tranquilli. Allora c’è qualcosa che dovete sapere. Ecco quale


 

Rimproverare i propri figli spesso non sortisce effetti. Il modo migliore per farli stare tranquilli è essere gentili e prendersi cura di loro. Uno studio condotto presso l’università di Manchester ha scoperto che coloro che hanno delle mamme generose e attente ai loro bisogno si sentono soddisfatti e di conseguenza si lamentano meno degli altri. La ricerca è stata condotta sui topi, in particolare è stato analizzato l’effetto che le cure materne avevano sui piccoli dall’età dell’allattamento fino a quella della nidificazione, ma i risultati sono applicabili anche agli essere umani.

(Continua a leggere dopo la foto)







”Il nostro obiettivo era capire che effetto avesse il comportamento dei genitori sulla genetica dei figli. Se la prole è troppo esigente, diventa dispendioso per i genitori stargli dietro ma se non lo facessero potrebbero non sopravvivere”, ha dichiarato Reinmar Hager, biologo evoluzionista tra i principali autori dello studio. La ricerca ha dimostrato che tra i figli ”lamentosi” e quelli indipendenti esisterebbe una precisa differenza di geni che le madri avvertono naturalmente e che le porta a mettere in atto un trattamento preferenziale nei confronti di uno dei figli piuttosto che di un altro. Comunque nessuna delle due categorie sarebbe in grado di sopravvivere senza la mamma in certe situazioni. Per i topi, ad esempio, è importante essere nutriti e tenuti al caldo, visto che l’ipotermia è tra le principali cause della loro morte e la cosa non sarebbe possibile senza l’intervento del genitore. A questo punto, sembra proprio che il segreto per mettere a tacere le lamentele e i capricci dei bimbi sia comportarsi con gentilezza nei loro confronti, non trascurando mai i loro bisogni.

Ti potrebbe anche interessare Notti in bianco addio, ecco la rivoluzionaria tecnica per calmare subito il pianto dei bambini. Bastano queste piccole e poche mosse e… Sogni d’oro

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it