Storia di Pimpa, il clown italiano che strappa un sorriso ai bambini: “Loro vivono tra le macerie e io…”


 

Un sorriso dove la guerra ha distrutto persino la speranza. Nella striscia di Gaza Marco Rodari, clown italiano abituato a portare il suo naso rosso negli ospedali e nelle zone di guerra, prova a far ridere i bambini che vivono tra le macerie delle loro case. E il suo, visto tutto quello che lì è successo, non è certo un compito facile. “A inizio luglio del 2014 iniziava la guerra a Gaza – spiega Rodari a Repubblica – che ha portato all’uccisione di più di 2200 persone fra cui 540 bambini. Quasi tutte le abitazioni hanno subito dei danni. Ad oggi nessuna delle 19.000 case completamente distrutte durante la guerra è stata ricostruita. 100.000 persone sono senza un tetto e molte altre famiglie vivono in scuole o ricoveri di fortuna”.

Ancora numerosi gli ordigni inesplosi che sono pericolosissimi per chi vive in quelle zone, in una terra in cui tutti i bambini hanno perso un amico o un famigliare in guerra. “Il Pimpa” questo il nome d’arte di Rodari quando indossa il naso rosso, è tornato a Gaza, dove era stato anche nel 2014. Come clown sta operando in tre ospedali (“Abdel Aziz Al Rantisi” e “Al Nasser” di Gaza City e all’Ospedale “Tahrir” di Khan Younis), quattro ambulatori di primo soccorso mobili e girando le zone più colpite o povere della striscia di Gaza, da Khan Younis a Shujaiyya. Le immagini del video sono state girate proprio a Shujaiyya.

Ti potrebbe interessare anche: La gioia dei bambini nel campo profughi: arriva l’acqua e loro… le immagini che commuovono








 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it