Il grattacielo più bello del mondo? Tutto verde e tutto italiano


La giuria internazionale del premio “International Highrise Award”, promosso dal Museo di Architettura di Francoforte, che ogni due anni premia l’edificio alto più bello e innovativo del mondo, ha scelto come vincitore dell’edizione 2014 il Bosco Verticale di Boeri Studio, realizzato da Hines Italia in Porta Nuova a Milano. Il premio, nato nel 2003 e promosso della città di Francoforte, del Museo dell’architettura di Francoforte (DAM) e da DekaBank che finanzia il progetto, è riservato ad architetti e developer le cui opere, terminate negli ultimi due anni, raggiungano almeno i 100 metri di altezza.








 

“Espressione del bisogno umano di contatto con la natura. I grattacieli boscosi sono un vivido esempio di simbiosi tra architettura e natura. Il progetto è un’idea radicale e coraggiosa per le città di domani, rappresenta sicuramente un modello per lo sviluppo di aree ad alta densità di popolazione in altri paesi europei”, ha dichiarato Christoph Ingenhoven, presidente della giuria.

Il Bosco Verticale, composto da due torri residenziali alte 80 e 112 metri con 113 residenze, 800 alberi, 11mila fra perenni e tappezzanti, 5mila arbusti e oltre 100 specie diverse per un totale di 20mila metri quadrati di bosco che si sviluppa in altezza nel cuore della città, rappresenta un esempio eccellente di come possa nascere una perfetta simbiosi tra Natura e Architettura, con uno sguardo attento alla sostenibilità ambientale.

 

 

Un’integrazione resa possibile grazie alla collaborazione tra Hines, Boeri Studio e i dottori agronomi-paesaggisti Laura Gatti ed Emanuela Borio. “Il Bosco Verticale è una nuova idea di grattacielo, in cui alberi e umani convivono. E’ il primo esempio al mondo di una torre che arricchisce di biodiversità vegetale e faunistica la città che lo accoglie” ha commentato Stefano Boeri e aggiunge: “Sono felice per Milano, per Expo, e ringrazio chi ha promosso e sostenuto il nostro progetto, a partire da Hines Italia e dalle associazioni del quartiere Isola”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it