Ikea, questa sì che è una vera rivoluzione! Dopo i mobili low cost e a incastro ecco come il colosso svedese vuole cambiare le nostre case


 

Ikea non si finisce mai di stupire. Anche se ci vorranno ancora 3 anni, tra studi e ricerche, un’altra rivoluzione per la casa è già in cantiere. Il colosso svedese sta mettendo a punto muri scorrevoli e case rimodulabili. Non solo mobili, dunque, perché l’azienda ha capito che sempre più clienti hanno problemi di spazio in casa e non solo in Italia. A San Francisco, per esempio, riporta Milano Finanza da un articolo del Wall street journal, le superfici medie delle case sono calate del 18%, a Boston addirittura del 22%.

(Continua a leggere dopo la foto)








E, evidentemente, non bastano più mobili a incastro e letti a castello, l’idea da sviluppare, soprattutto in termini di sicurezza, è quella delle pareti mobili. Come si legge su Liberoquotidiano, in questa ottica il problema più ostico è rappresentato dai cavi elettrici: ”’Quando si vuole riorganizzare l’arredamento – ha spiegato il tecnico Ydholm Perez -, le prese a muro sono sempre nel posto sbagliato”. Per questo, dopo aver visto un laboratorio coreano in cui erano state testate le prese di corrente mobili sulle pareti scorrevoli, con la sua squadra ha realizzato un ‘living lab’ ricavato da un vecchio appartamento a Malmo, in Svezia, per dare l’idea di un ambiente realistico che si avvicinasse più a una casa.

Ma come funzioneranno nel dettaglio queste pareti mobili? Corrono lungo binari montati su muri fissi e sono appese e pochi centimetri dal pavimento. Per testare quella che si preannuncia una vera rivoluzione della casa, gli appartamenti sperimentali hanno ospitato persone vere che, spiate da telecamere nascoste, hanno dato ai tecnici tutti gli spunti e i suggerimenti utili che venivano loro in mente.

Potrebbe anche interessarti: Ikea, finalmente svelato il segreto nascosto nei suoi prodotti: ecco la risposta alla domanda impossibile che ci siamo sempre fatti





Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it