Ghana, la biblioteca-albero parla italiano


Si realizza un sogno: quello di una donna ghanese convinta che il futuro del suo paese possa ripartire da un centro culturale, di incontro e di innovazione sociale. Samia Nkrumah, prima leader femminile a guidare un partito politico nella sua nazione, ha collaborato attivamente al progetto di una nuova biblioteca che porterà il nome di suo padre, il leader politico Kwame Nkrumah,  “l’eroe dell’indipendenza” del Ghana, uno dei Paesi che oggi è tra i maggiori protagonisti della crescita economica del continente africano. La Kwame Nkrumah presidential library è opera dell’architetto italiano Mario Cucinella e vuole essere per il Ghana un punto di riferimento, un luogo dove la cultura possa essere accessibile a tutti, basti pensare infatti che ben l’83% della popolazione non ha accesso ad internet e molti studenti neanche ai libri. La biblioteca sorgerà vicino ad un enorme lago artificiale nato grazie alla diga di Akosombo, voluta dal presidente Nkrumah insieme ad una centrale idroelettrica, primo passo per l’indipendenza energetica del paese. Il progetto dell’Architetto Cucinella si ispira alla forma dell’albero e assume le sembianze di un tronco all’interno del quale scorre la linfa della cultura ghanese. È costituita da una serie di anelli scandita dal ritmico andamento dei pilastri che, insieme all’arretramento degli spazi interni, lasciano posto ad un sistema di terrazze e consentono di schermare i raggi solari, mantenendo l’edificio in ombra con una temperatura costante di 22 gradi. Tale architettura di facciata, oltre ad evitare l’uso di condizionatori, consente a chi vi si trova all’interno, una visione del paesaggio a 360°. L’interno è concepito come una “piazza del sapere” dove rampe e passerelle consentono lo spostamento tra i vari piani, dal piano terra, con la reception e un’area per i bambini, al primo piano, destinato ai laboratori e ai workshop, salendo poi tra gli ambienti per la consultazione dei libri fino ad uno spazio dedicato interamente a Kwame Nkrumah, con testi tematici ed il suo personale archivio.

 














Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it