La storia commovente di Pato, un pitbull cieco che ha bisogno di aiuto


(continua dopo la foto)








Di lui e della sua esistenza difficile, per di più segnata dalla disabilità, si è accorta l’associazione Pitbull&Amstaff Rescue Italia che ha divulgato la sua triste storia.

La sua storia, assieme al suo aspetto che ispira tanta tenerezza, ha subito colpito la sezione di Molfetta (BA) di Lega Nazionale per la Difesa del Cane e in particolare l’attivista Michele Dell’Olio.

Così, grazie all’aiuto operativo di Pitbull&Amstaff Rescue Italia, che Dell’Olio ringrazia di cuore, Pato è arrivato in provincia di Bari direttamente in stallo a casa del suo “padrino”, dato che nella sua condizione il ricovero in canile sarebbe stato fonte di ulteriori sofferenze e disagi.

Portato in una clinica specializzata si è dolorosamente scoperto che la cecità di questo giovane cane, dovuta a una atrofia progressiva della retina, era purtroppo irreversibile.

Adesso Pato cerca una casa tutta per lui. A parte la disabilità è sanissimo, verrà dato in adozione sterilizzato e vaccinato a persone idonee, in Puglia o al centro-nord, disposte a tenere contatti con i volontari nel tempo e a visite pre e post affido.

“E’ dolcissimo e compatibile con altri cani ma la cecità che lo rende un po’ goffo nei movimenti potrebbe rappresentare un limite per la serena convivenza con un compagno/a a 4 zampe. Quindi sarebbe preferibile una famiglia dove fosse figlio unico”, spiega Michele Dell’Olio.

Per il resto Pato è un tesoro di cane e chi deciderà di prenderlo con sé sarà ripagato con un affetto incommensurabile.

Per l’adozione di Pato, si può contattare: Michele Dell’ Olio, 340.8016225 – legadelcane.molfetta@libero.it.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it