Cucciolo di orso trovato morto. Forse avvelenato dai contadini


Servirà l’autopsia per capire se il cucciolo di orso bruno marsicano, trovato morto a Settefrati, nel Frusinate, è stato avvelenato o investito. La piccola orsa aveva all’incirca sei o sette mesi di vita. Nei giorni precedenti era stato avvistato in compagnia della madre da un team di esperti che periodicamente effettuano una conta degli esemplari. La causa, per ora, resta un mistero. Secondo la Forestale, la pista più probabile è quella dell’avvelenamento, anche perché non sarebbe la prima volta. Gli allevatori e i contadini di zona non hanno molta simpatia per volpi, lupi e cani randagi e lasciano sul terreno esche letali. In quelle zone, come in altre in cui si tiene la caccia al tartufo, inoltre, le squadre di ricercatori spesso si tendono imboscate a vicenda, avvelenando i cani avversari. Altra ipotesi, molto remota, è quella dell’investimento senza lesioni esterne. Difficile è, invece, che l’orsetta si sia allontanata dalla madre e morta di stenti giacché a un primo esame, il cucciolo non è apparso denutrito.








Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it