Capelli ricci, occhi da cerbiatta e forme perfette. Si chiama Kara è la più bella d'America e nasconde un un paio di "segreti". Il primo? È una scienziata

Capelli ricci, occhi da cerbiatta e forme perfette. Si chiama Kara è la più bella d'America e nasconde un un paio di "segreti". Il primo? È una scienziata

Capelli ricci, occhi da cerbiatta e forme perfette. Si chiama Kara è la più bella d'America e nasconde un un paio di "segreti". Il primo? È una scienziata

 

Si chiama Kara McCullough, ha 25 anni e al concorso per la più bella degli Stati Uniti rappresentava il District of Columbia. Ecco la nuova miss America, eletta a Las Vegas, Nevada, nella finale che ha decretato la reginetta di bellezza che rappresenterà gli Stati Uniti a Miss Universo. Kara, figlia di un militare americano, è nata a Napoli e cresciuta in Virginia, è laureata in chimica e fa parte della Us Nuclear Regulatory Commission, la commissione americana che regola l’uso civile dell’energia nucleare. Ha battuto la concorrenza di altre 50 bellissime, e ha raccolto il testimone da Deshauna Barber, sempre originaria del distretto di Columbia, che aveva trionfato lo scorso anno ed era stata la prima miss Usa membro delle forze armate. Kara McCullough ha battuto, nella finale del concorso che si è svolta a Las Vegas, Miss Minnesota Meridith Gould e Miss New Jersey Chhavi Verg, aggiudicandosi così la possibilità di rappresentare gli Stati Uniti a Miss Universo. (Continua dopo la foto)

Oltre che per la sua bellezza, ha stupito i giudici con le sue risposte, mentre i produttori l'hanno definita «una delle concorrenti più intelligenti nella storia recente». Nell'intervista di rito prima dell'incoronazione Kara ha infatti affrontato temi importanti come il femminismo e la sanità americana che hanno scatenato un dibattito sui social media. (Continua dopo le foto)

 

 

Alla prima domanda, sul sistema sanitario, ha risposto che si tratta di «un privilegio per chi, come me, ha un posto di lavoro. Dobbiamo quindi continuare a lavorare per avere assistenza sanitaria e posti di lavoro per tutti i cittadini americani». Quanto al femminismo, la 25enne preferisce che «si parli di uguaglianza tra i sessi, sopratutto quando si tratta di lavoro». «Spero di ispirare le donne che sono interessate ai campi della tecnologia, ingegneria e matematica. Niente è difficile se ci si lavora davvero», ha detto infine.

Ma ecco tutto il talento di Miss America 2015