“Non riesce più a muoversi”. In vacanza coi genitori, il dramma di una bambina


 

Doveva essere un momento felice e spensierato, una vacanza da trascorrere tutti insieme senza preoccupazioni. Invece per questi genitori, purtroppo, quei giorni si sono trasformati nel "nostro peggior incubo diventato realtà". Un dramma che è stato vissuto da una famiglia che si trovava in Portogallo. La loro figlioletta di 3 anni, la piccola Holly Alcock, è stata colta da un ictus durante il primo giorno in compagnia di mamma e papà. La bimba non riusciva neanche più a parlare o a stare in piedi e da allora non si è più ripresa al 100%. Holly era insieme a sua madre Gemma, papà Mark, fratellino Jacob e i nonni Graham e Debbie Alcock. Quel giorno aveva sofferto di tonsillite, così che a poche ore dall'atterraggio a Lisbona, i suoi genitori preoccupati avevano deciso di portarla in un ospedale inglese, riferisce la Stoke Sentinel.  "Era la nostra prima vacanza di famiglia con Holly. Ma prima di partire abbiamo portato Holly a vedere un dottore perché aveva la tonsillite" spiegano mamma e papà. (Continua a leggere dopo la foto)

"La tonsillite era di tipo virale - proseguono nel racconto - e il dottore le ha dato degli antibiotici solo perché stavamo andando via, altrimenti non ne avrebbe avuto bisogno, diceva" spiega mamma Gemma, 34 anni. "Siamo arrivati ​​in Portogallo il giorno dopo e ​​lei era davvero assonnata e stava male. Così siamo andati all'ospedale di Albufeira, ma si trovava lì è stata colta da una specie di ictus. L'abbiamo portata in ambulanza a Faro e da lì è stata trasportata in elicottero in un ospedale specializzato a Lisbona". (Continua a leggere dopo la foto)

      I genitori non hanno potuto accompagnarla in elicottero e si sono limitati a seguirla in macchina. "I medici hanno detto che avrebbe potuto non svegliarsi per una settimana, ma alla fine ha riaperto gli occhi dopo pochi giorni. Sta cercando di ridere, ma non ha ancora parlato, non sappiamo se questo ha a che fare con ciò che le è successo" dice ancora Gemma. Papà Mark, 36 anni, ha aggiunto: "È stato orribile, il mio peggior incubo è diventato realtà. È un processo lento e non siamo sicuri di quanto si riprenderà". (Continua a leggere dopo la foto)

 

I suoi cari hanno indetto una raccolta fondi per Holly, con lo scopo di "mandarla in vacanza quando tornerà a casa o di darle un regalo". Ma il denaro potrebbe essere necessario anche per le lunghe cure che si troverà ad affrontare nel corso dei prossimi mesi. Secondo una pagina dedicata di JustGiving, la bambina "muove" le sue gambe, ma al momento non è in grado di sedersi o alzarsi in piedi.

“Mamma, ti prego!”. Federica, stroncata da una malore a 35 anni. Il dramma si è consumato in piscina, dove la giovane madre seguiva la sua grande passione. Un’intera comunità sconvolta