“Era la mia vita, me l’avete strappata”. A 38 anni si ammala di influenza, come tanti: ma le sue condizioni peggiorano di colpo e dietro una tragedia senza senso salta fuori, all’improvviso, un’inquietante verità. Amici e parenti chiedono (straziati) giustizia


 

Una morte assurda e che farà discutere parecchio, come sempre accade quando di mezzo c'è il sistema sanitario (in questo caso quello americano) e le sue storture. Tutto è successo negli Stati Uniti, per la precisione a Weatherford in Texas, in una scuola, la Ikard Elementary, dove lavorava una donna di 38 anni di nome Heather Holland, insegnante molto benvoluta da tutti. Colpita dall'influenza, molto diffusa quest'anno nel territorio americano e contro la quale i medici puntavano il dito invitando a misure speciali vista la pericolosità, Heather è morta per le complicazioni della malattia. Ha lasciato il marito Frank e due figli, una bimba di 10 anni e un maschietto di 7. Il suo caso ha già acceso forti polemiche in rete tra gli utenti per le modalità. Secondo quanto riportano i quotidiani locali, la donna aveva iniziato a sentirsi male una settimana prima del tragico decesso: il marito spiega che non aveva potuto acquistare un farmaco particolarmente costoso (circa 116 dollari il prezzo) per curarsi dal virus a causa delle condizioni economiche della famiglia, che non viveva un momento roseo conti alla mano. (Continua a leggere dopo la foto)

La donna per vergogna aveva inizialmente nascosto tutto al marito, sentendosi umiliata di fronte alla sua impotenza. Quando lui ha scoperto tutto, ha acquistato di tasca propria le medicine, senza preoccuparsi dei conti già pericolanti della coppia. Purtroppo, però, le condizioni della moglie erano già peggiorate molto. Nel giro di poche ore Heather è finita in terapia intensiva e la domenica mattina il suo cuore ha smesso di battere, nonostante gli sforzi dei medici che hanno fatto il possibile per salvarla, fino all'ultimo. La storia ha scatenato un polverone in rete, con molti utenti a chiedersi come sia possibile vivere in uno Stato che non aiuta i cittadini in difficoltà nemmeno quando di mezzo c'è la loro salute fisica. (Continua a leggere dopo le foto)

 

"Devo essere forte per i miei bambini ma è surreale, non sono pronto - ha commentato il marito distrutto dal dolore sulle pagine di Usa Today - Siamo stati insieme per molto tempo, più della metà della mia vita. È la mia migliore amica, la mia anima gemella, il mio tutto". La trentottenne veniva descritta come una donna che "amava aiutare le persone" e che veniva adorata dai bambini. Tanti i messaggi già comparsi in rete da parte di famiglie di alcuni dei suoi alunni che hanno voluto ricordare la loro insegnante con parole toccanti di ringraziamento e condoglianze per i parenti.

Hai avuto l’influenza? Se è già passata una settimana dalla diagnosi, attento. Quel che potrebbe succedere va oltre ogni immaginazione. Impossibile ormai vivere sereni