“Potevate salvarla, non l’avete fatto”. La morte di una figlia a soli 17 anni, straziante: la madre, disperata, racconta ora la storia di quella ragazza incapace di sopportare i pesi sulle sue spalle. E punta il dito contro chi, non aiutandola, l’ha spinta oltre il baratro


 

Una morte orribile, una famiglia distrutta per sempre dal tragico gesto di una ragazzina di soli 17 anni, Charlotte Guy, trovata senza vita a Wigan in Inghilterra. A spingerla al suicidio un errore commesso attraverso i social: la giovane, fidanzata, aveva erroneamente rivelato con un messaggio inviato su Snapchat di aver tradito il suo ragazzo. La vergogna era stata tale che lei, sentendo di non potersi mai perdonare quell'infedeltà, aveva deciso di farla finita. Una tragedia che per la prima volta la madre, Debbie, ha deciso di affrontare, rivelando sulle pagine di Metro i suoi pensieri dopo l'accaduto e mettendosi a nudo: "So che niente sarà mai più come prima - ha detto attraverso le pagine della testata britannica - E non riesco a non pensare che avremmo potuto evitare tutto questo. Mia figlia soffriva già di insicurezza e depressione dopo essere stata per anni vittima di bullismo a scuola. Se avesse ricevuto gli aiuti necessari, forse oggi sarebbe ancora con noi". La donna ha poi parlato dei trascorsi di Charlotte. (Continua a leggere dopo la foto)

"Nel 2013 aveva tentato già di uccidersi. Purtroppo, però, le strutture presso le quali l'avevamo spinta a chiedere aiuto non si sono rivelate all'altezza della situazione. Hanno interrotto il rapporto con lei troppo presto, prima che potesse davvero completare un percorso di guarigione dai suoi demoni. Così come la scuola, che nonostante sapesse tutto non ha mai cercato di assisterla davvero, di proteggerla". La ragazza aveva inviato per errore un testo contenente la confessione del suo tradimento in un gruppo virtuale che annoverava tra i partecipanti anche il fidanzatino Jack, che così era venuto a sapere dell'accaduto. A quel punto, sentendosi in colpa e schiacciata dal rimorso, è crollata. (Continua a leggere dopo le foto)

 

"Sono sicura - conclude la donna - che nemmeno lei si stesse rendendo conto di quello che faceva quando ha deciso di uccidersi. Charlotte ha semplicemente perso la testa, si è sentita mancare il terreno sotto i piedi di colpo, tutto insieme. Ha temuto di rimanere sola, di non avere più nessuno accanto in grado di capirla e sostenerla. Di perdere gli amici, il fidanzato, di sentirsi sola contro il mondo". Il corpo della ragazza  era stato trovato in un bosco vicino casa: subito i soccorritori erano intervenuti per cercare di rianimarla, inutilmente. Una volta in ospedale, i medici non avevano potuto far altro che confermare l'avvenuto decesso.

“Me l’ha strizzata e mi ha detto maiale grasso”. Choc nel mondo dello spettacolo. Nel bel mezzo dell’evento, proprio lui si avvicina alla splendida star e dà vita al momento più trash della storia. Presenti sconvolti