Shigir Idol, un messaggio dal Mesolitico nella statua più antica del mondo


Gli scienziati sono vicini alla datazione della Shigir Idol. L'idolo è la più antica statua in legno del mondo, probabilmente scolpita intorno ai 9500 anni fa e miracolosamente conservata in una torbiera nei pressi di Kirovograd, al margine occidentale della Siberia, dove è stata recuperata nel gennaio 1890, dopo essere rimasta protetta per millenni da quattro metri di torba.

 

Il professor Thomas Terberger, esperto in culture primitive ha detto: “Non esiste una scultura così antica in tutta Europa. Lo studio di questo idolo è un sogno che si avvera. Ci aspettiamo i primi risultati del test, alla fine dell'inverno".

 

La mancanza di fondi ha, fino ad oggi, impedito la corretta datazione di questo tesoro degli Urali, ma si è cercato di carpirne più notizie possibili. Si è scoperto, in base al numero di anelli annuali, che il legno da cui è stata ricavata la scultura apparteneva ad un vecchio larice di almeno 159 anni di età.

L'idolo, "raschiato con un cucchiaio di pietra" è alto 2,8 metri ma si ritiene che in origine raggiungesse i 5,3 metri. Purtroppo quasi due metri del manufatto sono andati perduti durante i disordini politici in Russia del 20° secolo: rimangono solo i disegni fatti dall’archeologo siberiano Vladimir Tolmachev  che è riuscito a riprodurre le immagini di tutti i pezzi nel 1914. 

Ancora misterioso il significato dei segni scolpiti sul maestoso idolo: secondo alcuni esperti russi si tratterebbe di una rudimentale mappa con le linee rette, ondulate e le frecce a indicare percorsi d'acqua, burroni e colline. Secondo altri le sette facce presenti rappresenterebbero gli spiriti protagonisti della vita religiosa dei tempi antichi e  la loro posizione verticale indicherebbe una sorta di gerarchia. Secondo un terzo gruppo di esperti la reliquia contiene informazioni codificate sulla "creazione del mondo", un messaggio per l'uomo moderno dal Mesolitico dell'età della pietra.

Simple Share Buttons
Simple Share Buttons