Vi è mai capitato di stringere forte gli occhi e vedere "volare le mosche?". State tranquilli e non preoccupatevi, si tratta di un problema abbastanza comune. Risolverlo è semplice

Vi è mai capitato di stringere forte gli occhi e vedere "volare le mosche?". State tranquilli e non preoccupatevi, si tratta di un problema abbastanza comune. Risolverlo è semplice

Vi è mai capitato di stringere forte gli occhi e vedere "volare le mosche?". State tranquilli e non preoccupatevi, si tratta di un problema abbastanza comune. Risolverlo è semplice

 

Vi è mai capito di fissare il sole e vedere le cosiddette “mosche volanti?”. Succede anche quando si guarda per molte ore lo schermo di un computer o l’occhio è sottoposto a una luce abbagliante improvisamente. Si tratta di uno scherzo che, almeno una volta nella vita, una persona ha subito dal proprio occhio. Se vi siete sempre chiesti cosa fosse questo strano fenomeno, il suo nome, in medicina, è miodesopsia. Conosciuta già dai tempi dell'antica Roma con il nome di 'mosche volanti', la miodesopsia è semplicemente una conseguenza di alcune impurità presenti nel corpo vitreo, il materiale che copre gran parte del globo oculare. Il corpo vitreo costituisce circa i due terzi dell'intero volume dell'occhio ed è situato tra il cristallino e la retina; la sostanza che lo costituisce, detta umor vitreo, è composta per il 99% da acqua e per il rimanente 1% da collagene, acido ialuronico, da zuccheri, proteine solubili, cellule vitree (ialociti) e da fibrille vitreali che ne costituiscono l'impalcatura. Quando si osserva un oggetto la luce viene messa a fuoco dal cristallino e viene creata un'immagine speculare sulla retina. (Continua dopo la foto)

Il corpo vitreo dovrebbe essere perfettamente trasparente per garantire una visione nitida; tuttavia, piccole imperfezioni sono sempre presenti anche se non sono normalmente visibili grazie ad operazioni di compensazione e assuefazione del cervello. In seguito a fenomeni ossidativi, le fibre collagene tendono a frammentarsi formando filamenti di forme diverse, che fluttuano all'interno del liquido e proiettano un'ombra sulla retina, venendo percepite come opacità. Tenendo ferma la testa e guardando alternativamente in alto e in basso, si causa un mescolamento dell'umor vitreo e le ombre si rendono assai visibili. La microstruttura gelatinosa del corpo vitreo si deteriora con l'età. (Continua dopo le foto)

 

 

La degenerazione comincia a 20-30 anni ma si rende evidente dopo i 40. Nei soggetti miopi i segni clinici possono comparire anche prima; altre cause di degenerazione possono essere traumi, disturbi del metabolismo elettrolitico, distacchi posteriori del vitreo stesso o, nel caso peggiore, distacchi di retina. In questi casi le miodesopsie possono essere effetti collaterali di operazioni chirurgiche, come ad esempio la rimozione del cristallino affetto da cataratta. In questo caso sono anche visibili lampi di luce al buio (fotopsie) causati da sollecitazioni meccaniche compiute dal corpo vitreo distaccato contro la retina; ciò può portare a lesioni più ampie della retina con conseguenze gravi per la vista, inclusa anche la cecità. Un esame oculistico è fortemente raccomandato in tutti questi casi. Le miodesopsie sono considerate difetti secondari della vista e non una malattia; la letteratura considera l'insorgenza di miodesopsie perfettamente nella norma per una popolazione tra i 50 e i 60 anni, mentre si sta recentemente evidenziando come le miodesopsie stiano colpendo giovani tra i 20 e i 30 anni. Ad oggi le cause non sono ancora del tutto note. I medici oculisti spesso prescrivono integratori alimentari specifici, consigliando di ignorare il problema, condurre una vita regolare e bere molta acqua. L'efficacia degli integratori alimentari è da verificare: è altamente improbabile che possano influire sull'evoluzione del vitreo. Una buona alimentazione ricca di vitamine, frutta, verdura, liquidi è invece di fondamentale importanza, specie durante la stagione calda, per prevenire alterazioni vitreali.

"Si è messo in ginocchio, di fronte a me. Mi ha guardato negli occhi e mi ha chiesto di sposarlo". La grande notizia attesa dai fan della coppia vip è finalmente arrivata