Soffici pagnotte fritte e ripiene con crema o marmellata. Sono i krapfen, o bomboloni, un dolce profumato e squisito che conquista grandi e piccini: ecco la ricetta per farli a casa

Soffici pagnotte fritte e ripiene con crema o marmellata. Sono i krapfen, o bomboloni, un dolce profumato e squisito che conquista grandi e piccini: ecco la ricetta per farli a casa

Soffici pagnotte fritte e ripiene con crema o marmellata. Sono i krapfen, o bomboloni, un dolce profumato e squisito che conquista grandi e piccini: ecco la ricetta per farli a casa

 

Dici krapfen, dici ''bomboloni alla crema''. Le origini di questo meraviglioso e il dolce, a dorma di palla appiattita e fritta nell'olio o nello strutto, di origine austro-tedesca. Il riempimento viene iniettato con una grossa siringa appena la pastella è fritta e, nella versione originale, è composto da marmellata di albicocche. Pochi lo sanno, ma l'origine di questi dolci è strettamente collegata al periodo di Carnevale, anche se ormai si trovano in tutto il periodo dell'anno. Sono stati inventati nel ‘600 a Graz, in Austria, e da sempre sono una prelibatezza riconosciuta e apprezzata tutto il mondo. In Italia viene chiamato ''bomba'' o ''bombolone'' e segue lo stesso tipo di ricetta del krapfen austro-tedesco. In alcune zone della penisola, come Sicilia e Campania, il nome ha subito un adattamento, venendo chiamata craffa o graffa. Viene servita con le varianti senza ripieno a forma di ciambella, oppure con il ripieno di crema pasticcera o ancora con ricotta e gocce di cioccolato. Ecco la ricetta. (Continua a leggere dopo la foto)

 

Ingredienti:

400 g farina manitoba

1 bustina di lievito di birra 

50 g zucchero

1 vaniglia in bacca 

1 fialetta di aroma al limone

1 cucchiaino raso di sale

3 uova

75 g burro sciolto

75 - 100 ml latte tiepido (37-40°C)

Setaccia la farina in una terrina larga e mescolaci il lievito di birra. Al centro del mucchio pratica una buca e versaci zucchero, i semi della bacca di vaniglia, aroma, uova e burro liquefatto tiepido. Amalgama il tutto con l'aiuto di una forchetta, aggiungendo un poco per volta il latte tiepido e il sale.

(Continua a leggere dopo le foto)

 

Lavora l'impasto sul piano del tavolo leggermente infarinato per almeno 10 minuti, allargandolo con i pugni chiusi, riavvolgendolo e sbattendolo sul tavolo, fino al completo assorbimento del liquido. Rimetti l'impasto nella terrina infarinata, coprilo con un canovaccio umido e ponilo a lievitare in luogo tiepido fino a quando il suo volume sarà raddoppiato (1 ora e mezza circa). Dividi l'impasto ben lievitato in 12 palline uguali e ponile a lievitare in un luogo tiepido per 45 minuti circa.

Friggi i krapfen in abbondante olio bollente (175-180°C), mantenendo la temperatura costante durante la cottura. Gira i krapfen in modo che diventino dorati su entrambi i lati, quindi toglili dall'olio e lasciali sgocciolare su carta assorbente. Prepara la crema con il latte seguendo le istruzioni riportate sulla confezione e prima che i krapfen siano completamente freddi, farciscili con la crema. Lascia raffreddare e completa decorando con lo zucchero al velo. Conserva i krapfen avanzati in frigorifero e consuma entro 24 ore.

Consistenza morbida (che si scioglie in bocca), mai sentito parlare della ''torta tenerina''? È un dolce tipico del nord Italia: cioccolato, farina, uova, burro e il gioco è fatto. Una vera delizia per il palato dei più golosi