"Era con suo zio, i genitori si erano sposati pochi giorni fa". Lui è Rosario, 4 anni, il primo bimbo riconosciuto tra le vittime del tremendo incendio che sta piegando il Portogallo. La sua storia

"Era con suo zio, i genitori si erano sposati pochi giorni fa". Lui è Rosario, 4 anni, il primo bimbo riconosciuto tra le vittime del tremendo incendio che sta piegando il Portogallo. La sua storia

"Era con suo zio, i genitori si erano sposati pochi giorni fa". Lui è Rosario, 4 anni, il primo bimbo riconosciuto tra le vittime del tremendo incendio che sta piegando il Portogallo. La sua storia

 

L'incendio che sta devastando il Portogallo continua a mietere vittime. Tra di loro ci sono quattro bambini, uno di loro, il primo riconosciuto, si chiama Rodrigo Rosario e ha solo 4 anni. L'incendio divampato domenica 18 giugno nell’area di Pedrogao Grande, situato nel distretto di Leiria, nel Portogallo centrale. Il piccolo è una delle 62 vittime ufficiali del rogo e non è purtroppo l'unico bambino. Ce ne sarebbero, infatti, altri tre. Stando a quanto riportato dalle autorità locali ai media internazionali, Rodrigo si trovava insieme allo zio, Sidel Belchior, 37 anni, quando l'auto sulla quale viaggiavano è stata improvvisamente inghiottita dalle fiamme su una strada di campagna nei pressi della storica cittadina universitaria di Coimbra. L'uomo faceva da baby sitter al nipotino mentre i genitori del piccolo, convolati da poco a nozze, stavano festeggiando la luna di miele a Capo Verde. (Continua a leggere dopo la foto)

La notizia sconvolgente della sua morte ha sconvolto tutta la famiglia, in primis il nonno, che ha scoperto da un servizio televisivo che il corpo di Rodrigo, dopo un tam tam sui social network affinché chiunque potesse aiutare a recuperarlo, era stato ritrovato carbonizzato in macchina. Anche un'altra bambina di quattro anni, di cui è stato diffuso solo il nome di battesimo, Bianca, è una delle vittime dell'incendio in Portogallo, morta mentre fuggiva dalle fiamme insieme a un parente nella località di Mò Pequena. (Continua a leggere dopo le foto)

 

Morti anche altri due minori di cinque e sei anni, rimasti intrappolati nelle automobili con i genitori. Intanto, cresce ora dopo ora il numero dei feriti, che al momento sono 59, 5 dei quali in gravi condizioni, e due dispersi. Mobilitati quasi 700 vigili del fuoco. La polizia, però, esclude il dolo: forse un fulmine alla base del rogo. Indetti anche tre giorni di lutto nazionale. La nazionale portoghese di Cristiano Ronaldo impegnata nella Confederetion Cup in Russia ha subito devoluto un'ingente somma a favore del comune colpito.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Sono morti intrappolati nelle loro auto”. Spaventoso incendio, una fine orribile per decine di persone. Che non hanno avuto scampo. Avvolte dalle fiamme. Una tragedia che non ha una spiegazione. Il disperato intervento dei vigili del fuoco