“Mi hanno sparato”. Choc per Valerio Brumotti: stavolta è stato passato il segno. Il reporter di ‘Striscia la Notizia’ si è ritrovato vittima di un vero e proprio agguato: cosa è successo e dove


 

Vittorio Brumotti e la sua troupe di Striscia la Notizia sono stati aggrediti (di nuovo). Stavolta, però, c'è stato davvero da aver paura, perché gli assalitori non si sono limitati al solo lancio di sassi, ma hanno anche anche esploso un colpo di pistola che ha perforato la portiera dell'auto. Brumotti era a Palermo per un'inchiesta sulla droga. L'inviato di Striscia si trovava nel quartiere Zen per documentare come viene gestito lo spaccio di stupefacenti, quando, usciti dall'auto, lui e i suoi collaboratori sono stati aggrediti da un folto gruppo di abitanti del quartiere. Brumotti poco dopo l'aggressione ha pubblicato un post su Instagram insultato gli spacciatori che lui definisce "venditori di morte". La troupe di Striscia è rientrata nell'auto blindata per ripararsi dagli aggressori, quando all'improvviso il tetto dell'auto è stato sfondato da un pesante blocco di cemento lanciato da un piano alto di una casa e la portiera è stata perforata da un colpo di arma da fuoco, pare di calibro 12 (lo sta esaminando la Polizia). Brumotti e i suoi collaboratori sono riusciti a mettersi in salvo solo grazie all'intervento della Polizia e dei Carabinieri e non hanno riportato ferite. (Continua a leggere dopo la foto)

Il servizio andrà in onda prossimamente su Striscia la notizia. L'aggressione di Palermo fa seguito a quella avvenuta poco più di un mese fa a Caivano, quando Brumotti stava documentando lo spaccio di droga al Parco verde: "L’inviato di Striscia – aveva riferito la redazione della trasmissione tv – e la sua squadra non hanno nemmeno fatto in tempo a scendere dall’auto blindata, che sono stati circondati da 7-8 persone (tra cui un bambino) incappucciate che hanno cercato di aprire le portiere, minacciandoli di morte. (Continua a leggere dopo le foto)

 

Falliti i tentativi di aprire l’auto, i delinquenti hanno impugnato bastoni e una sedia con cui hanno sfasciato la carrozzeria e cercato di rompere i vetri, che per fortuna hanno resistito. Solo l’intervento dei Carabinieri ha interrotto la violenta aggressione, ma gli agenti non sono riusciti a fermare nessuno dei camorristi. Intanto dalle finestre dei palazzi intorno continuavano ad arrivare insulti e minacce di morte nei confronti dell’inviato del Tg satirico e dei suoi collaboratori".

 

Ti potrebbe interessare anche: “Single o impegnata?”. E qui Giorgia Palmas cade. Riservatissima sul suo privato, a quella domanda a tradimento non ha potuto non rispondere. Ma allora è tutto vero! Come stanno le cose con Vittorio Brumotti, il compagno che 5 anni fa ha conosciuto a Paperissima Sprint