"Un bugiardo, non è vero un caz*o. Non approfittarti dei terremotati di Amatrice". Selvaggia Lucarelli è un fiume in piena contro Andrea Preti. Lo ricordate all'Isola dei famosi? Cosa ha combinato l'attore

"Un bugiardo, non è vero un caz*o. Non approfittarti dei terremotati di Amatrice". Selvaggia Lucarelli è un fiume in piena contro Andrea Preti. Lo ricordate all'Isola dei famosi? Cosa ha combinato l'attore

"Un bugiardo, non è vero un caz*o. Non approfittarti dei terremotati di Amatrice". Selvaggia Lucarelli è un fiume in piena contro Andrea Preti. Lo ricordate all'Isola dei famosi? Cosa ha combinato l'attore

 

Andrea Preti, l'attore conosciuto principalmente per la partecipazione a "L'isola dei Famosi", è finito nei guai per un lungo post Facebook di Selvaggia Lucarelli. Vediamo cosa è successo. "Da qualche tempo il tizio posta sulle sue pagine instagram e facebook foto di paracadutismo. Riprende sulla sua pagina articoli di Novella 2000 in cui lui viene descritto come istruttore, non solo di paracadutismo, ma uno che si lancia con la tuta alare da 4000 metri. Dice che è perfino pilota di Cesena. Ne possiede addirittura uno a Roma, non si sa parcheggiato dove, se in giardino o nelle strisce gialle davanti casa. Quindi annuncia dalla sua pagina fb che lui a settembre organizzerà 'una giornata a scopo benefico per raccolta fondi per Amatrice e paesi limitrofi che hanno perso tutto… Una giornata di lanci… Base e para’, delta e parapendio: scrivetemi, sto organizzando! No chiacchieroni! È una cosa seria. Consegnerò personalmente i soldi al sindaco di Amatrice in una cerimonia pubblica'. Si lancerà con la sua fidanzata Claudia Gerini", scrive la blogger. Tutto questo, però, sarebbe falso... "Molte delle foto di paracadutismo postate da Preti sui suoi social sono state scippate dalla pagina di Ratmir, un jumper russo morto con la sua tuta alare in montagna nel 2016". (Continua a leggere dopo la foto)

"Viene fuori che non esiste mezza foto in cui si veda Preti lanciarsi o in aria. Gli chiedono chiarimenti e lui comincia a cancellare alcune foto, post e i commenti di chi si è insospettito. A quel punto cosa fa per arginare la faccenda? Va in un centro di paracadutismo, si infila una tuta, sale su un aereo con altri paracadutisti dichiarando alla telecamera "Ready to fly!" con l'aria dell'uomo che non deve chiedere mai. Posta il video sul suo Instagram. Novella 2000 lo riprende. Peccato che: a) nel video si vedono gli altri lanciarsi. GLI ALTRI. Tutti tranne lui. b) posta una foto di lui in tuta ma i paracadutisti esperti (per esempio Carlo Dipi Dipietro e Omar Pinato) gli fanno notare che ha un paracadute da allievo e con quello manco si può lanciare. Ha gli occhiali sopra al caschetto, e se ti lanci così volano via. Infine, gli spiegano che i cosciali sulle cosce sono malamente annodati e non fissati. I paracadutisti esperti, inoltre, riconoscono il centro in cui è andato, che è a Nettuno. Chiamano Nettuno...". (Continua a leggere dopo le foto)

 

Da lì confermano che Preti è andato dicendo che voleva farsi un giro in aereo per fare "EVENTUALMENTE un volo in tandem a settembre". Conclusione: "Andrea Preti non è un istruttore di un cazzo di niente. Se lo è, mostri LA LICENZA ENAC e il libretto di lanci. Se vuole mostrarci anche il brevetto di volo (pilota di Cesena, no?) e il suo aereo gli crediamo ancora di più. E infine, ci racconti cosa vuole fare ad AMATRICE, a quale titolo e perché inventa tutte queste cazzate facendosi pubblicità sulla pelle di gente che ha già avuto abbastanza sciacalli intorno. Attendo risposte". E le risposte non sono tardate ad arrivare. "Mi ha chiamata Preti. Stendo un velo pietoso sul contenuto della chiamata, nei dettagli. Naturalmente 'è una vita che faccio lanci' ma non ha prove, non è istruttore e soprattutto 'il sindaco di Amatrice ancora non sa niente'", ha aggiunto poco dopo la Lucarelli.

 

Ti potrebbe interessare anche:  “Basta, levatecela dai co***”. Selvaggia Lucarelli e l’appello social da migliaia di condivisioni. Tra i commenti c’è anche chi azzarda una petizione che, ad avviso di molti, sarebbe cosa buona e giusta. Con chi ce l’ha e perché