Enrico Mentana viene travolto dagli insulti: "Fai ridere i polli, parassita". Ecco come risponde a Di Battista e Di Maio

Enrico Mentana viene travolto dagli insulti: "Fai ridere i polli, parassita". Ecco come risponde a Di Battista e Di Maio

Enrico Mentana viene travolto dagli insulti: "Fai ridere i polli, parassita". Ecco come risponde a Di Battista e Di Maio

 

I diverbi tra Enrico Mentana e il mondo dei grillini sembrano non avere mai fine. Per chi si fosse perso gli ultimi avvenimenti, il direttore del TgLa7 aveva minacciato querela contro Beppe Grillo, a seguito del post pubblicato sul suo blog dal leader del Movimento 5 Stelle, nel quale lanciava la proposta di una giuria popolare per valutare le bufale in rete. Nel suo articolo, Grillo si scagliava in generale su tutti i quotidiani, gli organi di informazione e i telegiornali, ma aveva allegato all'articolo delle foto con il logo di molte testate giornalistiche, tra cui anche quella del Tg di La7. Il giorno dopo l'accaduto Grillo aveva “rettificato”, prodigandosi in elogi per Mentana e il suo telegiornale, quindi il direttore aveva ritirato la minaccia di andare in tribunale. Nel mezzo di questa vicenda però una tempesta si è abbattuta su Facebook, scatenata dai tanti grillini decisi a farla pagare cara al direttore. (Continua a leggere dopo la foto) 

Tra migliaia di post e commenti di anonimi invasati, ci sono stati anche quelli di un gruppo dedicato a un fantomatico fan club di Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista che su Mentana non è andato per nulla sul sottile: il post in questione contiene una foto del figlio di Enrico Mentana insieme a Maria Elena Boschi, accompagnata da un commento che accusa il direttore del Tg di voler “piazzare” la famiglia. Contro di lui i grillini hanno usato anche un vecchio articolo del sito Libero Quotidiano sulla candidatura di suo figlio tra le fila del Pd, due post che hanno ricevuto subito centinaia di commenti, la maggior parte contenenti offese verso il povero Mentana.

(Continua a leggere dopo le foto) 

 

 

Sulla sua pagina Facebook, il direttore del Tg ha risposto prontamente: “Cari Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio, il fan club che porta il vostro nome si è esibito in questo post corredato da 133 commenti di vostri simpatizzanti e iscritti. Devo dedurre che il club a voi intitolato non ha ancora adottato un adeguato codice etico”. Nel codice grillino, in effetti, questo è uno dei gesti più imbarazzanti che mai si possa fare nella vita, visti gli insulti che sono piovuti nei commenti alla foto del figlio di Mentana.

Leggi anche: "Manda via quell'imbecille". No, un Mentana così infuriato non l'avevamo davvero mai visto prima. In diretta, lo storico presentatore perde le staffe e sbotta ad alta voce