"Veniamo a bruciarti col lanciafiamme". Quelle assurde minacce in rete e, alla fine, il cantante si trova costretto ad annullare la sua esibizione. Ma la polemica non si placa

"Veniamo a bruciarti col lanciafiamme". Quelle assurde minacce in rete e, alla fine, il cantante si trova costretto ad annullare la sua esibizione. Ma la polemica non si placa

"Veniamo a bruciarti col lanciafiamme". Quelle assurde minacce in rete e, alla fine, il cantante si trova costretto ad annullare la sua esibizione. Ma la polemica non si placa

 

"Siamo spiacenti di comunicare che lo spettacolo di Bello FiGo previsto per venerdì 23 dicembre alla Latteria Molloy è stato annullato. Al di là delle possibili polemiche, che erano state messe in conto, abbiamo ricevuto vere e proprie minacce che non ci permettono di far svolgere il concerto serenamente e garantire la sicurezza per il pubblico. Il clima di svago e divertimento che quell'evento avrebbe dovuto creare è stato irrimediabilmente compromesso. In questi primi 10 anni di attività la Latteria è sempre stata un luogo di aggregazione, e non di divisione e di conflitto. Da qui la scelta di cancellare il concerto, o quantomeno di rimandarlo a tempi più sereni. Grazie a chi comprende e ci supporta. Vi lasciamo con un disegno che Davide Toffolo aveva realizzato per l'occasione". Un lungo post, fatto per spiegare le motivazioni che hanno portato, dopo accurate riflessioni, ad annullare l'esibizione del rapper di origini ghanesi diventato famoso grazie alle sue hit e ai suoi video su YouTube. (Continua a leggere dopo la foto)

 

Lo spettacolo sarebbe dovuto andare in scena in un locale di Brescia, il Latteria Molloy, ma a quanto pare il clima di tensione ha spinto gli organizzatori a una marcia indietro. Non si fa accenno all'entità di minacce né agli autori dei messaggi, fatto sta che le cose sono improvvisamente precipitate. Tra i tanti post che si leggono sotto l'evento, basta però prenderne uno a caso per capire: "Presentarsi tutti col lanciafiamme o almeno un manganello per farlo nero, anzi ancora più nero...". (Continua a leggere dopo la foto)

 

Bello FiGo è famoso per i suo testi provocatori, uno degli ultimi proprio in occasione del referendum del 4 dicembre. A scatenare le ire del pubblico era stata però soprattutto una canzone dove il rapper si proponeva come incarnazione dell'immigrato che non paga l'affitto e pretende un albergo a 5 stelle. Un'ironia che non dev'essere stata gradita da parte degli utenti. Di recente, il cantante era anche stato protagonista di una lite in tv con Alessandra Mussolini.

''Annullato il mio concerto''. Dopo gli attentati di Bruxelles, la famosa cantante non potrà esibirsi. Tutta la sua tristezza...