"Cominciamo con una esplosione a Roma". Terrorismo, Italia nel mirino: un arresto. Qual era l'obiettivo del jihadista

"Cominciamo con una esplosione a Roma". Terrorismo, Italia nel mirino: un arresto. Qual era l'obiettivo del jihadista

"Cominciamo con una esplosione a Roma". Terrorismo, Italia nel mirino: un arresto. Qual era l'obiettivo del jihadista

 

La polizia di Campobasso ha fermato un imam somalo, richiedente asilo, che istigava a compiere attentati terroristici e in particolare indicava come "bersaglio la stazione ferroviaria di Roma". Il fermo è avvenuto nel Centro di accoglienza rifugiati richiedenti asilo di Campomarino (Campobasso). Secondo quanto fa sapere la polizia, l'uomo "svolgeva reiterata attività di istigazione alla commissione di delitti con finalità di terrorismo, nei confronti di correligionari ospiti della struttura di accoglienza per richiedenti asilo Happy Family di Campomarino".

(Continua a leggere dopo la foto) 

L'imam incitava a realizzare "azioni violente" nell'ambito della Jihad islamica. Secondo quanto riscontrato dalla polizia, l'imam faceva vedere agli altri ospiti del centro immagini e filmati cruenti di azioni di organizzazioni islamiche estremiste. Inoltre, esaltava gli attentati terroristici di Parigi e invitava gli altri ospiti a unirsi alla Jihad e ad allontanarsi dal centro con lui per andare in Siria ad arruolarsi. Contestualmente al fermo, sono state effettuate perquisizioni all'uomo e a un altro somalo ospitato nella struttura: sono stati sequestrati cellulari.

Ecco le immagini delle intercettazioni ambientali che ritraggono l'arrestato mentre visiona filmati jihadisti:

L’indagine è iniziata nel dicembre scorso e si è svolta attraverso acquisizione di sommarie informazioni, indagini tecniche, perquisizioni ed attività di osservazione e controllo sul territorio.

L'imam è stato rinchiuso nel carcere di Larino, a disposizione della Procura di Larino, per le competenze legate alla sola richiesta di convalida del fermo. La procura della Repubblica di Campobasso coordina le indagini, in collegamento info-operativo con la Direzione nazionale antimafia ed antiterrorismo e con Eurojust.

Caffeinanews by AdnKronos

www.adnkronos.it

 

"Attenti a quel pancione, è una bomba!". Finta donna incinta semina il panico: scatta l'allarme terrorismo, poi la terribile scoperta della polizia