La mattina di Capodanno una bomba piazzata nel pieno centro di Firenze gli aveva fatto volare via una mano. Il calvario, per l'artificiere - eroe non è finito, rischia di perdere anche l'occhio e non basta ancora

La mattina di Capodanno una bomba piazzata nel pieno centro di Firenze gli aveva fatto volare via una mano. Il calvario, per l'artificiere - eroe non è finito, rischia di perdere anche l'occhio e non basta ancora

La mattina di Capodanno una bomba piazzata nel pieno centro di Firenze gli aveva fatto volare via una mano. Il calvario, per l'artificiere - eroe non è finito, rischia di perdere anche l'occhio e non basta ancora

 

Una storia a tinte fosche che getta un’ombra nera su tutto lo Stato. Protagonista, suo malgrado, Mario Vece, l’artificiere della polizia di 39 anni ferito a Capodanno nel centro di Firenze da una bomba che qualche criminale aveva collocato sulla vetrina della libreria Bargello, culturalmente vicina all’associazione d’estrema destra CasaPound per devastare ed uccidere. Da quel giorno è in ospedale e, salvo improbabili dimissioni, ci dovrà rimanere per almeno un altro mese. Nell’esplosione il poliziotto ha perso la mano sinistra e rischia di perdere anche l’occhio destro, ma quando sarà dimesso, invece di ricevere onore, gloria e un premio in denaro, il sovrintendente, sposato e padre di due ragazzine, dovrà anche pagare le spese mediche come l’acquisto di eventuali protesi e una lunga riabilitazione. L’incredibile beffa riportata dal Corriere della Sera è stata confermata durante una conferenza stampa dal sindacato di polizia Siulp. (Continua dopo la foto)

“Per un poliziotto che si infortuna in servizio non è prevista nessuna polizza assicurativa – ha confermato Antonio Lanzilli, segretario generale del Siulp di Firenze – e per questo abbiamo deciso, in accordo con la moglie del collega, di aprire una sottoscrizione bancaria. Chiederemo poi al Governo di introdurne una nel contratto delle forze dell'ordine”. Il conto, (si chiama `Per Mario´), è stato aperto alla filiale della banca Unicredit di viale Redi, a Firenze, iban IT38B0200802829000104589397 e chiunge, da ogni parte d’Italia, può fare un’offerta.

(Continua dopo le foto)

 

 

“La nostra iniziativa è anche una risposta – ha spiegato Lanzilli - alle centinaia di colleghi, cittadini e aziende che ci hanno chiesto di poter dare aiuto. Alla conferenza stampa sarebbe dovuto essere presente anche Stefania, la moglie di Mario Vece, ma ha preferito restare accanto al marito mentre lo stavano sottoponendo al terzo intervento chirurgico per tentare di salvare l’occhio colpito dall’esplosione. Contattata telefonicamente, la signora Stefania ha ringraziato il Siulp anche a nome del marito. «Mario sta meglio, soprattutto di spirito – ci ha detto – è forte e combatte come un leone. Vuole tornare a lavorare per onorare il suo nuovo ruolo (ha appena vinto un concorso da ispettore ndr) e ha anche il sogno di continuare a coltivare la sua grande passione: la motocicletta. Io sono certa che ce la farà”.

Americana strangolata a Firenze, l'avvocato di Diaw, il 27enne arrestato, spiega i motivi della lite poi sfociata in omicidio: ''Ecco perché lo ha fatto''. E subito scoppia la polemica...