Decine di migliaia di follower su Instagram e un mistero che si fa sempre più fitto: chi è veramente Miquela Sousa? Quel viso e quel fisico che stanno interrogando mezzo mondo

Decine di migliaia di follower su Instagram e un mistero che si fa sempre più fitto: chi è veramente Miquela Sousa? Quel viso e quel fisico che stanno interrogando mezzo mondo

Decine di migliaia di follower su Instagram e un mistero che si fa sempre più fitto: chi è veramente Miquela Sousa? Quel viso e quel fisico che stanno interrogando mezzo mondo

 

Miquela Sousa, meglio nota sui social come "@lilmiquela", vive a Los Angeles, ha molti amici nel mondo della musica, ama l'arte contemporanea, la moda e i viaggi, difende i diritti dei Sioux contro l'oleodotto in North Dakota. Ha una passione per gli smalti colorati, per le battute ciniche e per George Michael. Miquela Sousa non esiste, o forse sì. Difficile dare una risposta e questo è un dibattito completamente ancora aperto. A interrogarsi è arrivato recentemente anche il Washington Post che ha provato a intervistare lei e i suoi amici. Nessuna risposta. Miquela non rilascia interviste. Debutta online circa otto mesi fa con una foto di un maglione rosa pubblicata su Instagram. Seguono altri 137 post e i follower salgono velocemente a 126mila. La sua fortuna è legata a un aspetto "fisico" enigmatico. È una ragazza in carne e ossa o costruita digitalmente? Della giovane dalla frangetta scura non convincono la pelle effetto plastica, le labbra e il naso esagerati, le lentiggini marcate. (Continua a leggere dopo la foto)

 

Unbothered

Una foto pubblicata da *~ MIQUELA ~* (@lilmiquela) in data:

 

Tutto troppo simile a un personaggio del videogioco Sims. Però la spallina del top poggia sulle scapole come se fossero vere, le dita dallo smalto griffato sono reali. I suoi autoscatti sembrano quelli di una ragazza normale con raffinati e dettagliati ritocchi in computer grafica. D'altronde la sua vita è quella una it girl dell'era social, tutto - dalle frasi che accompagnano le immagini alle foto ricordo dei famosi scomparsi - parla la lingua del contemporaneo. L'evidenza sembra superare il sospetto eppure basta scorrere i commenti che gli utenti - molti giovanissimi - pubblicano sotto alle sue immagini per capire che il mistero di Miquela Sousa è più complesso. "Sei vera?", "Hai un corpo normale ma il viso di un Sims", "Sei un Sims?", sono decine e quasi tutte di questo genere le domande rivolte alla ragazza.

(Continua a leggere dopo le foto)

 

Shot with @nataliamantini and I can die now

Una foto pubblicata da *~ MIQUELA ~* (@lilmiquela) in data:

 

 

Il nome scelto è Miquela in Rhinestones, ovvero in strass, una pietra che simula il diamante. Una finzione insomma. Miquela copia la realtà. Secondo molti utenti l'intera operazione sarebbe una campagna pubblicitaria per il lancio di un prodotto, tra i più quotati ci sono la nuova versione del videogioco Sims o un album musicale. Tanti leggono nelle immagini degli esemplari di net art, arte che vive su internet, e quello di Miquela potrebbe essere un esempio perfetto di progetto secondo molti "manovrato" dall'artista 3D Nicole Ruggiero. L'americana è stata la prima a commentare un post di Miquela Sousa e tra le due ragazze, che posano insieme in una foto, ci sarebbe una somiglianza evidente. Se così fosse non sarebbe la prima volta che la net art occupa il social fotografico: nel 2014 la 27enne di origine argentina Amanda Ulman divenne la prima performer di Instagram. Le sue opere sono state esposte nel 2016 alla Tate Modern nell'ambito della mostra "Performing for the camera". Infine, l'ultima delle ipotesi, segue la scia del fenomeno post truth. La pagina sarebbe semplicemente un falso.

 

Ti potrebbe interessare anche: "A stare vestita proprio non ce la fa!". Con indosso solo il suo migliore lato b, posta questa immagine sul suo profilo Instagram ed è subito deliro tra i fan. A quanto pare, l'attrice vuol fare vedere solo le "prospettive" migliori