Lutto nel mondo della musica: il 2017 continua sulla scia del 2016, una generazione di fenomeni se ne sta andando. "È morto in pace dopo aver lottato con quella brutta malattia"

Lutto nel mondo della musica: il 2017 continua sulla scia del 2016, una generazione di fenomeni se ne sta andando. "È morto in pace dopo aver lottato con quella brutta malattia"

Lutto nel mondo della musica: il 2017 continua sulla scia del 2016, una generazione di fenomeni se ne sta andando. "È morto in pace dopo aver lottato con quella brutta malattia"

 

Il cantante e autore Peter Sarstedt, che nel febbraio del 1969 restò per quattro settimane al primo posto delle classifiche inglesi con la sua "Where do you go to (my lovely)" - premio Ivor Novello come miglior canzone dell'anno - è morto dopo una lunga malattia: lo ha comunicato la famiglia. Aveva 75 anni. Si era ritirato dall'attività nel 2010 a causa della sua malattia, un raro morbo neurodegenerativo chiamato paralisi sopranucleare progressiva (PSP) o Sindrome di Steele-Richardson-Olszewski . Il cantautore inglese Peter Sarstedt è quindi morto all'età di 75 anni, come hanno confermato i familiari e la BBC. "Where Do You Go To (My Lovely)" resta il suo capolavoro, la canzone che toccò la vetta delle classifiche inglesi e non solo, nel 1969, rimanendo lassù per le quattro settimane successive. (Continua a leggere dopo la foto)

Il cantautore è morto "in pace", come ha spiegato la famiglia, dopo una battaglia di sei anni con una paralisi sopranucleare progressiva. Nel comunicato stampa che ha accompagnato l'annuncio della morte, la famiglia ha detto di essere stata con lui fino alla fine e che a molti mancherà la sua musica. Sono stati circa 50 gli anni di carriera di Sarstedt per un totale di 14 album, l'ultimo dei quali, "Restless Heart" pubblicato nel 2013. Il cantante pubblicò circa due singoli all'anno, dal 1967 al 1987, compresi "Beirut", "Take Off Your Clothes" e "I’m a Cathedral"

(Continua a leggere dopo la foto e il video)

 

Sarstedt nacque in una famiglia di origine indiana, a Delhi, dedita alla musica, con i genitori che erano musicisti classici e i fratelli Eden Kane (nickname di Richard Graham) e Clive Sands (il cui vero nome era Robin) che divennero entrambi cantanti pop. Nei 2000 il suo nome e quello del suo successo tornarono in auge grazie all'inclusione del titolo nella colonna sonora dei film di Wes Anderson, il corto Hotel Chevalier" e il film "Il treno per il Darjeeling". Nel 2010 il cantante dovette ritirarsi a causa della malattia, come spiegato sul suo sito.

 

Ti potrebbe interessare anche: "Si è suicidato". Parole choc sulla morte di George Michael arrivano proprio dal suo compagno, Fadi Fawaz. Un tweet, tanto mistero